Ooho
Una foto di Ooho, credits: ilfoglio.it

L’inquinamento causato dalla plastica ha raggiunto limiti intollerabili: secondo uno studio condotto dalla Ellen MacArthur Foundation, ogni anno finiscono in mare oltre 8 milioni di tonnellate di plastica: in numeri è come se, per 365 giorni, in ogni minuto un camion della spazzatura riversasse il proprio contenuto nell’oceano.

Una valida soluzione arriva da Skipping Rocks Lab, una giovanissima start-up britannica che intende eliminare le bottiglie di plastica utilizzate per l’acqua e le bevande in generale. Come? Impiegando delle capsule trasparenti, biodegradabili e commestibili, realizzate con un polimero sintetico ricavato dalle alghe.

UNA PERLA DI ACQUA

Mangiare l’acqua dunque sarà il nuovo trend dell’idratazione: le perle di Skipping Rocks Lab infatti, possono essere masticate per liberarne il contenuto (acqua, vino o altri liquidi).


Ooho, (questo il nome della perla commestibile) ha un costo di produzione nettamente inferiore a quello delle bottiglie in plastica o vetro e può essere utilizzato per confezionare acqua, bibite gassate, alcolici e persino prodotti cosmetici. Realizzare Ooho ha richiesto ben due anni di lavoro; a sostegno della start-up è intervenuto Climate-KIC, un acceleratore di imprese dell’Imperial College di Londra.

L’azienda, che intende arrivare sul mercato del largo consumo nel 2018, sta raccogliendo su crowdfunding il secondo round di finanziamenti: obiettivo? 500 mila euro.