fbpx

Matteo Claudio Cainazzo

Laureato in Ingegneria Meccanica presso il Politecnico di Bari. E' appassionato di motori e turbomacchine.

Sugru

Sugru: la colla rivoluzionaria

Sugru è una pasta adesiva siliconica sviluppata da una designer irlandese Jane Ní Dhulchaointigh insieme al suo team.

È una sostanza malleabile e lo rimane per 30 minuti, dal momento in cui viene estratta dall’involucro che la contiene; il prodotto indurisce in 24 ore grazie all’umidità dell’aria (a seconda dello spessore), raggiungendo una consistenza simile alla gomma e questo è dovuto alla sua natura siliconica; ha una vita limitata a 6 mesi(prolungabile di altri 6, avendo l’accortezza di conservare il prodotto in frigo) dalla data dell’acquisto e dopo tale scadenza risulta inutilizzabile.

TECH.GNIUS.IT
TECH.GNIUS.IT

Al tatto risulta morbido, flessibile, antiscivolo, elettricamente isolante, mantiene una certa capacità di adattarsi ai movimenti, ha un range termico di utilizzo che varia dai -60 C° sino ai 180 C° ed è impermeabile all’acqua.

Il prodotto viene venduto in confezioni contenenti ciascuna, 12 involucri da 5 grammi; è possibile acquistare la confezione contenente il prodotto in diversi colori(cica 13 euro), oppure acquistare la confezione solo nei 2 colori base: bianco e nero(circa 14,5 euro).

Sugru crea un forte legame con alluminio, acciaio, ceramica, vetro, legno, alcune plastiche come perspex e ABS, gomme, come silicone e gomma butilica; una volta indurito, può essere rimosso da superfici non porose tagliandolo con un coltello affilato.

Swincar E-Spider: l’auto-ragno

La Swincar E-Spider è un veicolo elettrico con 4 ruote motrici, realizzato dal costruttore francese Mecanroc, in grado di superare pendenze del 70% lungo l’asse principale e del 50% lungo quello laterale.

Il mezzo è caratterizzato da un sedile fluttuante tra le ruote, ognuna delle quali dotata di sospensioni indipendenti, consente di avventurarsi su piani scoscesi e la cinematica rivoluzionaria permette l’inclinazione in curva e la correzione della pendenza; le ruote interessate dal dislivello seguono la conformazione del terreno, mentre il baricentro rimane stabile.

ototrends.net

Per la trazione sono stati impiegati quattro motori elettrici (ogni unità eroga una potenza da 1 a 1,5 kW) inseriti sui mozzi delle ruote sterzanti.

Il modello presentato ha il telaio in tubi di alluminio e saranno previste versioni a due e 4 ruote sterzanti e con batterie da 2, 4 o 6 Kwh.

I dettagli sulla messa in commercio non sono ancora chiari, ma sarà possibile ammirare la Swincar E-Spider al salone di Lione, durante l’esposizione che si terrà dal 24 al 28 Settembre.

Strati: la prima auto stampata in 3D

Ha esordito all’International Manufacturing Technology Show (IMTS) di Chicago, Strati, la prima automobile realizzata con tecnologia di stampa 3D; Il prototipo è stato costruito dalla Local Motors in collaborazione con l’Association for Manufacturing Technology (AMT) ed è stato disegnato a Torino dall’italiano Michele Anoè, vincitore di una gara tra 200 designer di tutto il mondo.

L’intera scocca è stata realizzata in 44 ore (in un unico elemento di 212 strati di plastica ABS, rinforzata con fibra di carbonio per garantire alla struttura la giusta resistenza alle sollecitazioni), utilizzando la tecnica “Direct Digital Manufacturing (DDM)”, usata per la prima volta nella costruzione di un’automobile.

torino.startupitalia.eu

Successivamente il prodotto è fresato, rifinito ed unito agli altri componenti, (per ora) non riproducibili con questa tecnica, ovvero gli pneumatici, il volante, le batterie al litio (da 6,1 kWh), le sospensioni, l’impianto elettrico, il sistema di frenata rigenerativa e il motore elettrico (da 5 o 17 CV); il pacco batterie integrato garantisce un’autonomia tra i 190 e i 250 Km (viaggiando rispettivamente da soli oppure affiancati da un passeggero) e il motore consente una velocità massima di 80 km/h; la Strati verrà venduta entro la fine di quest’anno ad un prezzo compreso tra 18 e 30 mila dollari.

Utilizzando soluzioni di “digital manufacturing”, nel prossimo futuro alcuni componenti di ricambio o accessori personalizzati potranno essere stampati direttamente a casa dal cliente innescando una vera e propria rivoluzione di molti settori tra cui quello automoblistico.

Hyperloop: la capsula supersonica

Hyperloop è un mezzo di trasporto rivoluzionario che consentirà di viaggiare a 1278 Km/h in modalità completamente elettrica.

In tale veicolo, nato dall’idea di Elon Musk (CEO di Tesla Motors nonchè co-fondatore di PayPal e di SpaceX), i binari sono sostituiti da una struttura tubolare depressurizzata posizionata su piloni alti 7 metri e dotati di cuscinetti per assorbire le scosse di terremoto.

Il sistema sfrutta un compressore elettrico che convoglia l’aria ad alta pressione dalla parte anteriore a quella posteriore e crea un cuscinetto d’aria sul quale alcune capsule scorrono ad alta velocità; esso inoltre è immune alla nebbia e alla neve, al sicuro da attacchi terroristici(grazie a un sistema di rilevazione e sicurezza attivo e passivo, che controlla i tubi internamente ed esternamente) ed energeticamente autosufficiente, grazie ai pannelli solari sulla sommità dei tubi, appoggiati sui piloni (il cui cemento sarà in grado di purificare l’aria) e l’aria che si muoverà all’interno del tubo potrà essere sfruttata per generare elettricità; la propulsione è garantita da un motore elettrico con rotore situato sul veicolo (per il risparmio di peso e requisiti di alimentazione) e statore incorporato dal tubo.

extremetech.com

 

Al fine di ottimizzare la velocità e le prestazioni delle capsule, l’area frontale è stata ridotto al minimo, pur mantenendo il comfort dei passeggeri; ogni capsula, larga 1,35 m e alta 1,10m potrà trasportare fino a 28 passeggeri a coppie con partenze ogni 30 secondi; consentirà a sette milioni di persone all’anno di andare da Los Angeles a San Francisco (615 Km) in circa 30 minuti contro le 5 ore e mezza in auto e l’ora e mezza in aereo attualmente necessarie.

dailymail.co.uk

 

I lavori per la costruzione del treno partiranno nel 2016 in California e Hyperloop potrebbe rivoluzionare il mondo dei trasporti, attestandosi come capostipite di un nuova generazione di trasporti superveloci ed ecosostenibili.

LIT Motors C1: la moto auto-bilanciata

LIT Motors C1 è un veicolo elettrico a due ruote che, grazie ad sistema costituito da due dischi giroscopici controrotanti a controllo elettronico e motori nascosti sotto la scocca, viene mantenuto costantemente in equilibrio anche in caso di incidente, garantendo così l’incolumità di chi si trova al suo interno.

Stabilization system, automotorblog.com

La moto ha un peso di 360 Kg (per poco più di un metro di larghezza), un’autonomia di circa 320 Km (con una sola ricarica), accelerazione 0-100 (km/h) in 6 secondi e consente di ospitare un secondo passeggero disposto posteriormente al conducente.

 

gearheads.org

 

 

 

 

La C1 ha due propulsori elettrici (uno su ogni ruota) alimentati da una batteria agli ioni di litio da 8 KWh, raggiunge i 160 km/h, dispone di cinture di sicurezza, airbag multipli, un telaio in acciaio rinforzato ed ha un prezzo di circa 24.000 $.

 

Google Car: l’auto senza pilota

La Google Car (nella sua ultima versione) è un veicolo elettrico che permette di guidare, frenare, riconoscere su strada ostacoli e pericoli senza l’intervento umano. Questa estate alcuni prototipi dell’auto abbandoneranno i circuiti di prova per debuttare sulle strade pubbliche della California.

Tale mezzo avrà un’autonomia di circa 130 km, non potrà superare la velocità di 40 km/h e sarà dotato dello stesso software realizzato da Google, già ampiamente testato sui Suv Lexus RX450h; inizialmente avrà anche volante e pedali (perché le normative californiane lo richiedono) e sarà testato con un uomo a bordo.

Attraverso telecamere laser sarà anche in grado di evitare i ciclisti (reagendo alla vista del braccio teso, usato per indicare un cambio di direzione); in seguito ad una riprogrammazione l’auto si adatterà meglio alle condizioni di traffico; avvertendo la presenza di buche sul percorso, ne attutirà l’impatto.

La nuova sperimentazione partirà con 25 unità, ma punta a realizzarne tra le 50 e le 100, da testare in diverse condizioni ambientali e stradali.

Le Google Car non hanno ancora un nome ufficiale, ma la stampa americana le ha soprannominate “Koala Car” per la somiglianza dell’anteriore con il muso dell’animale.

trbimg.com

Tale tecnologia presenta oggi dei limiti:

L’auto può guidare solo in aree completamente mappate da Google; non può essere utilizzata in montagna per problemi riscontrati sui sensori e sulle telecamere in condizioni avverse come nebbia, pioggia e neve; senza connessione web, la vettura non è in grado di seguire le mappe precaricate e riportare il passeggero a casa; non riesce a segnalare con precisione la presenza di controlli lungo le strade (al limite rileva la presenza di persone che agitano le mani in strada); inoltre i sensori montati non rilevano la presenza di piccoli animali.

L’ambizioso obiettivo di Google è portare questa tecnologia in commercio nei prossimi cinque anni, realizzando auto controllate completamente dai computer, eliminando l’errore umano (causa del 90% degli incidenti stradali) ed attuando così una rivoluzione nel mondo dei trasporti.

Freightliner Inspiration Truck: il primo autocarro a guida autonoma

Il Freightliner Inspiration Truck presentato recentemente dalla Daimler alla diga di Hoover in Nevada, è il primo mezzo pesante a guida autonoma, ad aver ottenuto la licenza per circolare sulle strade del Nevada (per guida autonoma non s’intende una totale sostituzione dell’autista, ma un supporto alla guida).

Esso presenta lo stesso sistema Highway Pilot montato sul Mercedes Future Truck che integra videocamere, sensori e radar che inviano al computer di bordo informazioni sulla strada, la carreggiata da seguire, segnaletica ed avvisano circa la presenza di altri veicoli; permette la guida autonoma solo sulla marcia rettilinea in autostrada e con l’autista seduto al posto di guida, riducendo al massimo le azioni del conducente e controllando rallentamenti, fermate e partenze.

In presenza di altri mezzi della Daimler a controllo autonomo, i computer di bordo entrano automaticamente in comunicazione, regolando le distanze tra i veicoli e creando una guida combinata. Il conducente può riprendere il controllo del mezzo in qualsiasi momento ed ha la piena responsabilità in caso di incidenti.

Tale veicolo caratterizzato anche da un’elevata attenzione per l’ambiente si classifica al terzo livello (su cinque) nella scala di automazione della NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration), lo stesso delle automobili a guida autonoma di Google.

gizmag.com

L’obbiettivo del Freightliner Inspiration Truck è la riduzione dell’affaticamento, dello stress del conducente e di conseguenza degli incidenti (circa il 90 % degli incidenti che coinvolgono i camion è causato da errori del conducente, e in un caso su otto all’origine c’è proprio l’affaticamento).

gizmag.com

Non è necessaria alcuna modifica alle infrastrutture stradali, perché al momento necessita solo delle linee bianche dipinte sul fondo stradale. La data di esordio dei camion a guida autonoma, sulle strade di tutto il mondo, è indicativamente fissata al 2025: non ci resta che aspettare.

 

 

 

Header image credits: motortrend.com

Post modern skate: lo skateboard senza tavola

È l’ultimo prodotto della catena americana Hammacher Schlemmer (acquistabile per circa 100 $), uno skate costituito da 2 pattini anulari con ruote indipendenti in gomma (dal diametro di 10 pollici e con un peso massimo supportato di 90 Kg), che gli consentono di viaggiare anche su superfici non lisce come erba bassa e superfici sporche. Questi pattini sono mossi dallo spostamento laterale, consentono il movimento senza una spinta sul terreno e la frenata si ottiene appoggiando la punta dei piedi al suolo.

wired.it

 

Non essendo le ruote connesse tra loro, è possibile ruotare di 720 gradi; l’albero di connessione (in dotazione) può essere usato per collegare i due pattini, aumentandone la stabilità per i neofiti e accelerando così il processo di apprendimento.

 

 


Vuoi leggere i nostri articoli senza pubblicità?

Sostieni il nostro progetto e avrai la possibilità di: