fbpx
giovedì, 24 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

AWA MODULA: come ricavare acqua dall’aria

Ricavare acqua dall’aria per ridurre la sete nelle zone più aride del mondo, coltivare i campi in maniera o per aiutare il lavoro di aziende e ospedali in maniera economica è finalmente possibile. AWA MODULA (Air to Water to Air) è stato realizzato da Seas –Société de L’Eau Aérienne Suisse, start up svizzera che ha sede nel Canton Ticino. Questo sistema riesce a catturare l’umidità presente nell’atmosfera e la trasforma in acqua potabile di ottima qualità. Una risorsa idrica inesauribile, dove la si necessita e senza manutenzione o infrastrutture costose e inquinanti.

Sono infatti 800 milioni di persone, tra Africa, Asia, Oceania e America Latina, che non hanno accesso all’acqua e circa 3,4 milioni muoiono ogni anno per la mancanza del bene più prezioso al mondo e fondamentale per la vita. La situazione non può che peggiorare a causa dei cambiamenti climatici e all’incremento del costo dell’acqua in bottiglia, più cara anche del petrolio con un valore sul mercato che cresce di oltre il 10, 7% ogni anno. Si stima che nel 2030 arriverà a valere circa 195 milioni di dollari.

La presentazione di Awa Modula è avvenuta ad Expo 2015 in occasione della giornata dedicata dal all’acqua, in un angolo del padiglione della Svizzera. Il sistema è già in utilizzo in alcune realtà: in America Latina (Messico, Perù, Ecuador), nelle Isole Caraibiche, nel Nord Africa, nel Sud Africa, nel Libano e negli Emirati Arabi.

Come funziona? Mantenendo l’acqua in ricircolo costante e a temperature corrette possono essere prodotti per macchina, al giorno, dai 2.500 ai 10.000 litri di acqua, ma è un sistema scalabile che potrebbe essere implementato fino al raggiungimento di centinaia di metri cubi. Un aspetto che rende Awa Modula particolarmente sostenibile è che funziona ad elettricità, potendo quindi anche far uso di energie rinnovabili quali il solare o l’eolico, così da funzionare anche in pieno deserto.

“Il risultato è frutto di quattro anni di ricerca – spiega ad Huffpost Anna Magrini, ingegnere e professoressa dell’Università di Pavia, che ha collaborato alla realizzazione del progetto-. A differenza delle tecnologie a osmosi inversa, come la desalinizzazione o la depurazione, quella di Seas non rilascia impurità nell’ecosistema locale e offre una fonte illimitata di acqua potabile”. Inoltre il processo di trasformazione restituisce aria fresca che può essere utilizzata per la climatizzazione e calore utilizzabile per il riscaldamento dell’acqua sanitaria.

 

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Antonio Piazzolla
Giornalista e divulgatore scientifico; caporedattore di Close-Up Engineering, è una delle firme di Forbes Italia e autore su Le Stelle, la rivista di divulgazione astronomica fondata da Margherita Hack. Ha collaborato con BBC Scienze Italia, HuffPost Italia, l’Espresso, Il Messaggero e Business Insider Italia.