fbpx

Home » Campi Flegrei: in sette anni il magma è risalito di quattro km

Campi Flegrei: in sette anni il magma è risalito di quattro km

I Campi Flegrei in Italia, una zona vulcanica di notevole importanza geologica, sono oggetto di crescente attenzione e allarme a seguito di un articolo del Corriere del Mezzogiorno che rivela inquietanti evoluzioni nella sua attività vulcanica.

Categorie Geologia
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

I Campi Flegrei, un’area vulcanica di grande rilievo geologico situata in Italia, sono al centro di un crescente interesse scientifico e di preoccupazione pubblica. Un recente articolo del Corriere del Mezzogiorno ha svelato dettagli allarmanti sulla situazione attuale del vulcano, portando in superficie preoccupazioni latenti riguardo alla sua attività.

Il contesto geologico dei Campi Flegrei

Prima di immergerci nelle recenti scoperte, è essenziale comprendere il contesto geologico dei Campi Flegrei. Questa area, che ospita la più grande caldera d’Italia, è nota per la sua complessa attività vulcanica. La caldera, formata da diverse eruzioni nel corso di migliaia di anni, è un importante sito di studio per i vulcanologi.

Il rapporto della Commissione Grandi Rischi

Il rapporto ufficiale, sintetizzato in sei pagine, descrive un quadro inquietante dell’attività sotterranea dei Campi Flegrei. Secondo il documento, dal 2015 al 2022, il magma sottostante la caldera è risalito da una profondità di circa 7-8 chilometri a soli 4 chilometri sotto la superficie. Questo cambiamento è stato rilevato tramite l’analisi modellistica dei dati InSaR, un metodo che interpreta le deformazioni del suolo attraverso dati satellitari.

L’implicazione dei cambiamenti nel magma

La risalita del magma è un indicatore di potenziali pericoli futuri. Il rapporto mette in luce due principali fonti di pressione: una idrotermale e l’altra magmatica. Gli esperti hanno sottolineato l’urgenza di estendere le analisi all’anno 2023 per monitorare più da vicino il trasferimento magmatico dai sistemi più profondi a quelli superficiali.

Rischio di fratturazione e conseguenze potenziali nei Campi Flegrei

Uno dei punti più preoccupanti del rapporto riguarda il rischio di fratturazione delle rocce sotto la pressione dei fluidi magmatici. Due studiosi, Neri e Kilburn, pur seguendo approcci differenti, sono giunti alla medesima conclusione: l’attuale tasso di deformazione potrebbe accelerare la fratturazione della crosta, portando a condizioni critiche entro mesi o pochi anni. Questo potrebbe innescare significativa sismicità, eruzioni freatiche e ulteriore risalita del magma.

La situazione ai Campi Flegrei pone una serie di sfide sia per i ricercatori che per le autorità locali. Sebbene sia impossibile prevedere con certezza eventi vulcanici, è fondamentale continuare a monitorare l’area e adottare misure preventive. La comunità scientifica e le autorità locali devono collaborare per mitigare i rischi e informare adeguatamente il pubblico.

Il report della Commissione Grandi Rischi serve da campanello d’allarme, evidenziando la necessità di una vigilanza continua e di una risposta proattiva ai cambiamenti geologici in corso nei Campi Flegrei. Con la continua evoluzione del paesaggio vulcanico, la ricerca e la preparazione diventano sempre più cruciali per la sicurezza della regione e delle sue comunità.