fbpx

Home » Carne coltivata all’interno dei chicchi di riso? Dalla Corea uno studio che ne dimostra la fattibilità

Carne coltivata all’interno dei chicchi di riso? Dalla Corea uno studio che ne dimostra la fattibilità

Dalla Corea, arriva il riso di manzo coltivato: un cibo ibrido, sostenibile e ricco di proteine, creato facendo crescere cellule di muscolo e grasso bovino sui chicchi di riso, con un impatto ambientale e costi inferiori rispetto alla carne tradizionale.

Categorie Biologia
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Carne coltivata all’interno dei chicchi di riso? Nel cuore dell’innovazione alimentare, scienziati della Yonsei University di Seoul hanno aperto un nuovo capitolo nella ricerca di alternative sostenibili alla carne tradizionale. Il loro ultimo esperimento ha portato alla crezione di un cibo ibrido che potrebbe rivoluzionare il nostro approccio alla nutrizione: il riso di manzo coltivato.

Carne coltivata all’interno dei chicchi di riso? Un Processo Innovativo per un Futuro Sostenibile

Carne coltivata all'interno dei chicchi di riso? Dalla Corea uno studio che ne dimostra la fattibilità

Questa innovazione, descritta in uno studio pubblicato sulla rivista Matter, rappresenta un balzo in avanti nell’ingegneria alimentare. Utilizzando chicchi di riso come impalcature naturali, i ricercatori sono riusciti a far crescere cellule di muscolo e grasso bovino, creando un alimento ricco di proteine ma con un impatto ambientale e economico nettamente inferiore rispetto alla carne bovina tradizionale.

Il processo di creazione del riso ibrido è tanto semplice quanto rivoluzionario. I chicchi di riso, con la loro struttura porosa, offrono il sostegno ideale per le cellule animali, che vengono nutrite e crescono grazie alle molecole presenti nel riso stesso. La rivestitura in gelatina di pesce, un ingrediente sicuro e commestibile, facilita ulteriormente l’attecchimento delle cellule.

Dopo circa dieci giorni di coltivazione in laboratorio, il riso ibrido è pronto per essere analizzato. I risultati sono sorprendenti: rispetto al riso tradizionale, questo nuovo alimento presenta un contenuto proteico superiore dell’8% e un aumento del 7% nei grassi. Con le sue sfumature di rosa pallido, il riso ibrido non solo offre un profilo nutrizionale migliorato ma emana anche un aroma che richiama la carne bovina e le mandorle, o, a seconda della composizione, sentori di burro, panna e olio di cocco.

Impatto Ambientale e Potenziale di Mercato

L’aspetto forse più rivoluzionario di questa innovazione riguarda il suo impatto ambientale. La produzione del riso ibrido comporta emissioni di CO2 significativamente inferiori rispetto alla carne bovina tradizionale: solo 6 chili per ogni 100 grammi di proteine prodotte, contro i quasi 50 chili della carne bovina. Inoltre, il costo previsto di circa 2,23 dollari al chilo rende il riso ibrido un’opzione economicamente vantaggiosa.

Carne coltivata all’interno dei chicchi di riso? Ostacoli e Prospettive Future

Nonostante l’entusiasmo, restano alcune perplessità. La stima dell’impatto ambientale, ad esempio, solleva dubbi considerando l’intensa emissione di gas serra associata alla coltivazione del riso. Inoltre, la scalabilità della tecnica e l’accettazione da parte dei consumatori rappresentano sfide significative. Questo alimento ibrido, che sfugge alle categorie tradizionali di carne e riso, richiederà un cambio di paradigma culturale e produttivo.

L’esperimento della Yonsei University apre la strada a un futuro in cui la produzione di cibo può essere sia sostenibile che nutrizionalmente ricca. Il riso di manzo coltivato simboleggia un passo avanti nell’innovazione alimentare, offrendo una soluzione potenziale per la malnutrizione, l’alimentazione in contesti estremi come missioni militari o viaggi spaziali, e la riduzione dell’impatto ambientale della produzione di carne. Resta da vedere come questa tecnologia si evolverà e come verrà accolta dai consumatori, ma ciò che è certo è che il riso ibrido rappresenta un’entusiasmante anticipazione di ciò che potrebbe essere il futuro del cibo.

Immagine in evidenza di DALL-E by CUENEWS