fbpx

Home » Censimento Istat 2022: l’Italia ha meno di 59 milioni di abitanti

Censimento Istat 2022: l’Italia ha meno di 59 milioni di abitanti

Un'analisi del report Istat sulla dinamica demografica nazionale.

Categorie Curiosità e Consigli
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

L’Italia affronta una crisi demografica senza precedenti. Il recente report dell’Istat relativo al censimento e denominato “Popolazione residente e dinamica demografica”, pubblicato alla fine del 2022, rivela una preoccupante riduzione della popolazione residente e un nuovo record negativo nella natalità. Questo articolo esamina i dati chiave e le implicazioni di queste tendenze.

Censimento 2022 dell’Istat: un declino continuo e record negativo per la natalità

Secondo l’Istat, al 31 dicembre 2022, la popolazione italiana era di 58.997.201 residenti, segnando una riduzione di 32.932 individui rispetto al 2021. Questo calo demografico è il risultato di un bilancio negativo: una dinamica demografica negativa di 179.416 persone, parzialmente compensata da un recupero censuario di 146.484 persone.

Il tasso di natalità italiano continua a scendere, registrando 393mila nati nel 2022, con un tasso di natalità di 6,7 per mille. Rispetto al 2021, ci sono state quasi 7mila nascite in meno, un calo del 1,7%. Rispetto al 2008, l’anno con il maggior numero di nascite, il calo è del 31,8%.

Composizione demografica: giovani in calo, anziani in crescita

L’età media in Italia è ora di 46,4 anni, con l’invecchiamento della popolazione che si accentua. I dati mostrano una diminuzione nel numero di individui in età 0-9 e 35-49 anni, mentre cresce la percentuale degli individui in età 55-79 anni. La Liguria emerge come la regione con l’età media più alta, 49,5 anni.

Censimento 2022 dell’Istat: implicazioni sociali ed economiche

Questa tendenza demografica presenta notevoli sfide sociali ed economiche. Il calo delle nascite e l’aumento dell’età media possono avere impatti significativi sulla forza lavoro, sulla spesa pubblica per le pensioni e sui servizi di assistenza sanitaria. Inoltre, le regioni con un’alta percentuale di popolazione anziana potrebbero affrontare problemi specifici relativi alla cura degli anziani e alla mancanza di giovani lavoratori.

I dati dell’Istat del 2022 evidenziano una crisi demografica che l’Italia non può ignorare. Il declino della popolazione e il progressivo invecchiamento richiedono azioni strategiche e politiche innovative per affrontare le sfide sociali, economiche e sanitarie che ne derivano. La soluzione potrebbe richiedere un approccio multifaccettato, che includa incentivi alla natalità, politiche di immigrazione più aperte e un maggiore supporto alle famiglie e agli anziani.