fbpx
venerdì, 10 Luglio, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Coronavirus, studio rivela molecole endogene in grado di bloccare l’infezione

Un nuovo studio rivela una sostanza naturale in grado di bloccare il virus. Ma è solo il primo passo di una ricerca terapeutica più ampia

Mentre il contagio segnala continua miglioramenti giorno per giorno nel nostro Paese, i ricercatori sono al lavoro per trovare nuovi rimedi e cure alternative al possibile, futuro, vaccino. Diverse soluzioni sono state proposte fino ad ora, ma ancora non è chiaro quale sia la loro reale efficacia contro SARS-CoV-2.

Spunta ora invece un nuovo studio, che rivela molecole endogene in grado di bloccare il virus.

Lo studio

Il lavoro di ricerca è stato portato avanti da alcuni ricercatori delle Università di Napoli Federico II e di Perugia. La sostanza naturale in questione è una molecola endogena, già presente nel nostro corpo, che sarebbe in grado di limitare l’attacco del Coronavirus, fungendo da difesa contro l’infezione.

In particolare, le sostanze sono di natura steroidea e alcune di esse sono acidi biliari, ovvero sostanze prodotte nel fegato e nell’intestino dal metabolismo del colesterolo. Secondo gli scienziati tali sostanze sarebbero in grado di bloccare il virus quando la sua carica virale non è elevatissima.

Le dichiarazioni

Una degli scienziati è Angela Zampella, direttore del Dipartimento di Farmacia dell’Università di Napoli Federico II, che commenta così la scoperta:

È una sostanza già presente nell’organismo che blocca l’entrata del virus nelle cellule. È del tutto naturale, presente anche in alimenti come la liquirizia e l’olio d’oliva.

Come interpretare nella maniera corretta questa notizia

La ricerca condotta dai ricercatori italiani è solo la prima fase di uno studio più ampio, che mira a trovare gruppi di molecole efficaci contro SARS-CoV-2. Inoltre, lo studio è un preprint sul sito BioRxiv, e deve ancora essere accettato e pubblicato. Bisogna quindi adottare un approccio cauto nei confronti di questi primi risultati, che non costituiscono in alcun modo rimedi naturali al nuovo coronavirus.

Doveroso specificare come liquirizia e olio d’oliva non rappresentano cure naturali in caso di contagio: sono solamente due alimenti che contengono le molecole endogene che aiuterebbero nella lotta al Covid-19. Come se non bastasse, nello studio si legge espressamente che tali sostanze sarebbero efficaci solo duranti i primi giorni di contagio, mentre il loro effetto diverrebbe quasi trascurabile in una fase più acuta della malattia.

La ricerca, quindi, deve essere necassariamente ampliata e validata su casi di studio reali. Se risultasse del tutto vera, avremo un’arma in più contro la pandemia ancora in atto.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Andrea Wronahttps://sciencecue.it
Salentino di origine, con diploma di liceo classico e laurea triennale in Ingegneria Informatica e Automatica presso l'Università Sapienza di Roma. Appassionato di matematica, fisica e letteratura greco-latina, amo informarmi sulle nuove scoperte, contemplare la bellezza di luoghi inediti e farmi sorprendere dalle altre culture e tradizioni.