Cyber security e cyber attacchi: quali sono e come possiamo difenderci
Credits: https://unsplash.com/photos/70Rir5vB96U

Aumenta il flusso di dati online, aumenta l’uso che facciamo di internet e anche la sua automatizzazione. È dunque necessario correre ai ripari ed imparare a conoscere i pericoli dentro la rete e così difenderci anche partendo dalle basi. Vi abbiamo già raccontato che strumenti utilizzare per migliorare la vostra privacy online, oggi andiamo a scoprire i vari tipi di malware, ovvero tutto ciò che attacca e infetta il vostro dispositivo o dati.

Un hacker compromette i nostri sistemi operativi e i nostri dispositivi attraverso dei software, dunque dei programmi, malevoli. Questi programmi infatti, invece di essere al nostro servizio per svolgere dei compiti base, vanno ad agire in background accedendo ai nostri dati, rallentando il dispositivo e molto spesso danneggiandolo. Quali sono i virus più frequenti? Ecco una lista di cyber attacchi:

  • Ransomware – forse uno dei più conosciuti e più pericolosi attacchi informatici degli ultimi anni. WannaCry, un potentissimo virus, ha causato danni a moltissimi server d’azienda e anche a privati. Un ransomware infetta il nostro dispositivo, prende il controllo del sistema e ci chiede un riscatto per riprenderne il possesso.
  • Worm: un altro virus molto diffuso, che nel momento in cui si infiltra nel nostro dispositivo inizia ad auto replicarsi, occupando la memoria del dispositivo rendendola inutilizzabile.
  • Spyware: questo software è stato progettato per spiare i dati degli utenti, come dice il nome stesso, accedendo così ad informazioni preziose.
  • Adware: un software malevole che si infiltra nel nostro computer attraverso le pubblicità online, dunque ad e pop up che siamo soliti chiudere quando apriamo certi siti web.
  • Rootkit: più che un virus vero e proprio si tratta di un set di programmi malevoli lanciati dagli hacker per prendere il controllo di un dispositivo in qualità di amministratore, e dunque accedere a tutti i dati sensibili.
  • Trojan: un programma infetto che si infiltra ne nostro dispositivo attraverso un programma o un allegato innocuo, utilizzando come un vero cavallo di troia.
  • DDoS – distributed denial of service: un attacco complesso, che va aa colpire i server aziendali o istituzionali per accedere ai dati contenuti all’interno. Quando vengono colpiti questi tipi di server, i servizi ad essi collegati si oscurano o vengono rallentati, rendendo difficile l’utilizzo.
  • Keylogger: un malware sofisticato ma molto utilizzato. Un keylogger è un programma che se installato sul pc registra tutti i movimenti e le pressioni effettuate sulla tastiera, e tutti i dati vengono inviati agli hacker. In questo modo è semplice risalire a password e account.
  • Phishing: non è esattamente un programma ma è un allegato o un link malevolo che ci induce ad inserire dei dati personali che verranno poi utilizzati ad altri scopi.

Naturalmente esistono molti altri virus, che colpiscono anche i dispositivi mobili. Per questo è necessario proteggere tutto ciò che si connette ad una rete internet.

Come possiamo fare per difenderci? Ecco alcuni consigli:

  • Anomalie: registrate ogni anomala del vostro dispositivo, come rallentamenti, malfunzionamenti di trackpad, mouse o tastiera, rumori strani durante le chiamate (possono essere spyware), rete internet rallentata.
  • Antivirus: è necessario munirsi di un buon antivirus per monitorare frequentemente la sicurezza del nostro dispositivo.
  • Adblocker: piccole estensioni disponibili per i browser che bloccano ad e pubblicità dei siti internet ritenute pericolose o semplicemente fastidiose.
  • Reti private: ovvero le virtual private network. Che cos’è una VPN? Si tratta di una connessione ultrasicura che vi mette al riparo da attacchi informatici online.
  • Password: Ultimo ma non meno importante, è necessario imparare ad utilizzare password sicure per i nostri account, formate da combinazioni casuali di lettere, numeri e simboli.