fbpx
venerdì, 25 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Galileo, un drone italiano per il monitoraggio dei laghi

Il suo nome è Galileo, utilizza tutta la tecnologia italiana ed è utilizzato per il monitoraggio dei laghi dallo scorso ottobre. E’ il primo USV (Unmanned Surface Vehicle) industriale, che sarà operativo in Italia.

E’ un drone e a svilupparlo è stata la Siralab Robotics, di Terni, venti dipendenti, sorta nel 2007 come spin off e che oggi è una holding operativa con una mission: sviluppare nuove idee nel settore della robotica.

Il suo presidente è Giorgio Belloni, ternano, classe ’73, assegnista di ricerca e PhD presso l’Università di Perugia in Ingegneria Elettronica per la progettazione di sistemi di controllo, destinati ad aerei senza pilota, che si affretta a sottolineare:

“E’ stato difficile – e lo è ancora oggi – far capire che un’imbarcazione possa navigare senza pilota. Stiamo pensando a soluzioni ottimali per gestire l’automa su laghi frequentati da barche”.

Ma veniamo al drone, che è stato costruito in due anni da una decina di ingegneri.
Galielo – spiega Belloni – è un grande risultato. Servirà per effettuare delle missioni automatiche di monitoraggio, rilievo e campionamento. Misurerà vari parametri chimico – fisici dell’acqua nella posizione desiderata (GPS) e alla profondità desiderata. I risultati serviranno per realizzare mappe di profondità del fondale. Non solo. L’apparecchio ha videocamere subacquee per lo studio della vegetazione sommersa. Pesa circa 700 chilogrammi, è lungo 6 metri, largo 2,5 e alto 4.

Quanto è costato?
Molto. E’ stato realizzato con il sostegno  della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia e Arpa.  Ma la mia società ha contribuito con l’ingegneria e la progettazione. Siamo orgogliosi di aver realizzato un automa che garantirà notevoli benefici. Consente di rilevare un numero molto più elevato  di parametri ambientali, con una frequenza superiore e costi inferiori. Senza contare che si possono effettuare rilievi fino ad oggi impossibili. Utilizzato per il Trasimeno, ma anche per tutti i laghi umbri e speriamo per tutti i laghi e i litorali  italiani.  Voglio ricordare che per Galileo tutto, dall’autopilota al software, è stato sviluppato da noi, in Umbria. 

 

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.