fbpx
martedì, 20 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Cos’è l’effetto Magnus, il segreto della punizione di Roberto Carlos

Ricordate la stupenda punizione di Roberto Carlos contro la Francia nel 1997? Il segreto di quella strana traiettoria presa dal pallone è l'effetto Magnus

Articolo di Vincenzo Giordano

Uno dei calci di punizione più spettacolari nella storia del calcio è senza dubbio quello tirato da Roberto Carlos il 3 giugno 1997 in un incontro tra Brasile e Francia valevole per il Torneo di Francia. Dopo una lunga rincorsa, Carlos calciò da circa 30 metri di esterno sinistro, imprimendo così al pallone una forte rotazione in senso antiorario (se vista dall’alto). Il portiere francese, Fabien Barthez, fece schierare una barriera difensiva, anche se non si aspettava che Carlos intendesse tirare in porta. Quando quest’ultimo calciò la palla, si ebbe l’impressione che sarebbe andata molto più a destra, al punto che gli spettatori che si trovavano sugli spalti da quel lato della porta si abbassarono, convinti che sarebbe finita contro di loro. Invece, all’improvviso, all’ultimo momento, il pallone virò a sinistra e volò nella rete della porta francese. Prima di insaccarsi in rete colpendo l’interno del palo alla sinistra del portiere, il pallone deviò dalla sua ipotetica traiettoria rettilinea iniziale addirittura di quasi 6 metri!
Barthez, che non si era mosso nemmeno di un centimetro, rimase senza parole, stupefatto e incapace di credere ai suoi occhi.

Calcio e fisica: il binomio perfetto nella punizione di Roberto Carlos

Il segreto di questo magico tiro a “rientrare” (che in America chiamano “banana kick“, metafora quanto mai efficace) è l’effetto Magnus.
Facendo riferimento alla figura in basso a sinistra, cerchiamo di capire in cosa consista tale effetto che si verifica ogniqualvolta venga impressa una rotazione ad un oggetto in movimento nell’aria.

punizione roberto carlos effetto magnus

Nella parte destra del pallone, gli strati d’aria trascinati dal moto rotatorio si scontrano con quelli dovuti allo spostamento (aria che spira in senso contrario al moto del pallone). Ne segue che il flusso risultante che lambisce il pallone è più lento e, quindi, la pressione è maggiore (principio di Bernoulli).
Di contro, nella parte sinistra, le correnti d’aria dovute alla rotazione si muovono concordemente con quelle dovute allo spostamento per cui la velocità dell’aria è maggiore e la pressione minore.
La differenza di pressione sui due lati genera una forza (portanza) che spinge il pallone verso sinistra.
Il primo a spiegare questo effetto è stato, nel 1852, il chimico e fisico tedesco Heinrich Gustav Magnus (da cui il nome), anche se già nel 1672 Isaac Newton lo aveva appuntato nei suoi studi, osservando alcuni giocatori di un antenato del tennis a Cambridge.
In effetti, i tennisti lo sfruttano nella tecnica chiamata “topspin“, imprimendo una rotazione alla palla mentre la colpiscono tale da curvarla verso il terreno, impedendole di uscire dal campo, nonostante l’iniziale traiettoria apparente.

Altre applicazioni dell’effetto Magnus

L’effetto Magnus, oltre che essere alla base dello strana traiettoria presa dal pallone durante la punizione calciata da Roberto Carlos e oltre ad essere sfruttato dai tennisti (ma anche dai giocatori di ping pong) per il topspin e backspin, è sfruttato anche in altri sporto come il baseball o la pallavolo. In realtà, l’applicazione dell’effetto Magnus non riguarda solo l’ambito sportivo, ma tale effetto venne sfruttato, ad esempio, anche per l’invenzione dei rotori Flettern. I rotori Flettern – che prendono il nome dal loro inventore, Anton Fletter – sono cilindri lisci che con la loro rotazione intorno al proprio asse generano una spinta perpendicolare alla direzione del vento: nel 1925 la prima nave equipaggiata con questi rotori, la Baden Baden (o Buckau), attraversò l’oceano Atlantico.

La nave Baden Baden (Buckau), la prima nave dotata di rotori Flettern (Library of Congress – Questa immagine è disponibile presso la Divisione Stampe e Fotografie (Prints and Photographs Division) della Biblioteca del Congresso sotto l’ID digitale ggbain.37764. Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1456220)

Crediti immagine in evidenza: Nazionale Calcio – Flickr (https://www.flickr.com/photos/nazionalecalcio/45738981475)

CUE FACT CHECKING

CueEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su sciencecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vincenzo Giordanohttp://vincenzo-giordano.blogspot.it
Nato nel 1971 e residente a Bari, è professore a contratto presso il Politecnico di Bari e professore di ruolo di Matematica presso il Liceo Scientifico Statale "E. Fermi" di Bari.