fbpx
domenica, 31 Maggio, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Un video mostra l’esplorazione di Giove, dal 1973 ad oggi

Rivevere l’esplorazione di Giove, dagli anni ’70 ad oggi, in poco più di un minuto. E’ il risultato di questo filmato, realizzato dall’autore, che ripercorre i momenti salienti delle osservazioni del gigante gassoso.

Le immagini raccolte, le più significative, sono scattate in questi anni a partire dalla missione Pioneer 10 del 1973. La scarsa qualità fotografica dell’epoca riducevo il gigante ad una macchiolina spixelata.

L’esplorazione di Giove ripercorsa in poco più di un minuto

La qualità fotografica va via via migliorando con l’avanzare delle missioni spaziali: il primo notevole miglioramento lo si ha dal 1979 con la missione Voyager 1.

I primi dettagli del gigante, messi a fuoco dalla prima delle sonde gemelle del programma Voyager, fanno ben presto il giro del pianeta emozionando la popolazione.

Da Hubble a Juno, il fascino di Giove

Tra i primi anni duemila ad oggi, il gigante gassoso ha dato il meglio di sé, stupendoci con le sue aurore e la complessa atmosfera.

Tutti dati raccolti e foto mozzafiato scattate nell’ambito di missioni quali Cassini e Juno, senza contare il notevole contributo dell’Hubble Space Telescope.

Le più recenti ed altrettanto incredibili, sono le foto in altissima definizione scattate dalla sonda NASA Juno.

Il più recente fly-by infatti, ha mostrato nuovi dettagli: avvicinandosi a “soli” 3.500 km da Giove, la sonda ha scoperto un “nuovo arrivato”, al Polo Sud: adesso i cicloni non formano più un pentagono ma un esagono.

Non è la prima volta che Juno ci emoziona: nel 2017 infatti, ci aveva fatto ascoltare i suoi spettrali di Giove, quello della ionosfera gioviana. Gli strumenti di Juno, durante uno dei passaggi ravvicinati, hanno raccolto questa testimonianza senza precedenti.

Cos’altro dovremmo aspettarci da questo misterioso quanto affascinante pianeta?

A sinistra Giove in uno scatto del 1973 della sonda Pioneer 10; a destra il gigante gassoso nel 2019 in uno scatto della sonda Juno, crediti: NASA

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.