Vi sarà capitato di imbattervi in articoli su siti, blog, riviste (alcune autorevoli, purtroppo) che spiegano come leggere il codice plu, per intenderci il bollino presente su frutta e ortaggi recante alcune cifre.

Ebbene, “in base al numero di cifre presenti e dalla cifra con la quale inizia la serie è possibile ricavare alcune informazioni del prodotto, del tipo se si tratta di un OGM oppure no. Se avete letto questo vi siete imbattuti in una bufala che circola da almeno una decina di anni. Ma procediamo con ordine.

Codice Plu
Vari tipologie di codice plu su di una mela, crediti: thesun.co.uk

Cosa racconta la bufala

“Cosa dobbiamo notare? Innanzitutto il numero delle cifre presenti: se ce ne sono 4 significa che il frutto è cresciuto convenzionalmente, vale a dire con additivi chimici.

Se invece le cifre sono 5, e la prima della serie è il numero 9, significa che i frutti sono cresciuti organicamente.

Nel caso in cui le cifre del PLU siano sempre 5 ma la prima della serie è un 8 significa che quello che abbiamo in mano è un OGM (Organismo Geneticamente Modificato).

Esempi di codici PLU:

  • 4011 indica una banana cresciuta convenzionalmente.
  • 94011 indica una banana organica.
  • 84011 indica una banana geneticamente modificata (GE o GMO)”.

Cosa sono davvero i codici PLU

Introdotti nel 1990 di codici PLU, acronimo di Price Look Up, ne sono stati assegnati circa 1400 e si tratta prevalentemente di un codice di identificazione della merce e non della sua provenienza, né tanto meno della storia circa la sua coltivazione.

Vengono infatti utilizzati da supermercati e magazzini per rendere il check-out e il controllo delle scorte più facile, veloce e accurato.

A tal proposito sono interessanti e fondamentali le dichiarazioni dell’IFPSInternational Federation for Produce Standards:

– “I codici PLU assicurano che il prezzo accurato sia pagato dai consumatori, eliminando la necessità per i cassieri di identificare il prodotto e indipendentemente dal fatto che sia coltivato in modo convenzionale o biologico”.

– “l codici PLU di quattro cifre è assegnato a caso da una serie di numeri facenti capo alle serie 3000 e 4000. Non c’è un disegno intelligente dietro il codice a quattro cifre, nessun numero rappresenta un dato in particolare. I codici a 4 cifre sono per i prodotti cresciuti convenzionalmente, quelli a cinque cifre per l’agricoltura biologica. Il prefisso 9 dovrebbe essere premesso ai codici a 4 cifre per l’agricoltura convenzionale per indicare la produzione organica. Non vedrete codici a 5 cifre per l’agricoltura biologica nei codici PLU perché si ottengono dal prefisso 9 aggiunto codici PLU per l’agricoltura convenzionale. In futuro la IFPS comincerà ad assegnare codici PLU delle serie 83000 ed 84000; comunque, a differenza del nove, il codice 8 non ha alcun significato.

– “I codici PLU a 4 e 5 cifre per i prodotti sono assegnati in modo casuale all’interno di una serie di numeri nelle serie 3000, 4000, 83000 e 84000. 83000 e 84000 verranno assegnati dopo l’esaurimento delle serie 3000 e 4000. Non c’è intelligenza integrata nel codice. Ad esempio, nessun numero all’interno del numero di 4 cifre rappresenta qualcosa in particolare. I codici a 4 cifre sono per prodotti coltivati ​​in modo convenzionale. I codici a 5 cifre che utilizzano le serie 3000 e 4000 vengono utilizzati per identificare i prodotti biologici. Il prefisso “9” verrebbe posto di fronte al codice a 4 cifre coltivato in modo convenzionale per i prodotti biologici. Non vedrai i codici organici a 5 cifre nel database dei codici PLU poiché sono semplicemente prefissi aggiunti ai codici PLU di produzione convenzionalmente sviluppati”.

Addirittura:

– “Alcune gamme di codici PLU sono riservate ai rivenditori. Ciò consente ai codici di essere definiti dai singoli rivenditori o ubicazione e consente l’uso di codici PLU al posto dei codici a barre. Esistono gamme assegnate dal rivenditore per uso generale e specifico per categoria. Ad esempio, 3170–3269 possono essere assegnati dai rivenditori a qualsiasi merce, mentre 4193–4217 possono essere assegnati solo alle mele.

Minions
Un adesivo PLU personalizzato dal marchio Chiquita in occasione della promozione pubblicitaria del film dei Minions, crediti: Pinterest

Ci sono molti altri modi per riconoscere gli OGM ma per certo non lo saprai per mano di un sistema di codifica dei prodotti, talaltro volontario e non è obbligatorio per qualsiasi organo di governo.

L’uso dei PLU, in alcune occasioni, ha avuto addirittura fini commerciali: alcuni produttori infatti hanno ottenuto una licenza per posizionare i personaggi sugli adesivi sulle etichette dei codici PLU ad esempio per la promozione di un film o di un programma televisivo (vedesi quelli della Disney con Toy Story e Alla ricerca di Nemo, oppure il marchio Chiquita ha commercializzato banane con adesivi dei Minions.

Foto: Digisam

Per approfondire:

[1] “Price Look Up Codes” – IFPS