fbpx

Home » Gaston Glock: chi era l’ingegnere inventore dell’omonima arma morto a 94 anni

Gaston Glock: chi era l’ingegnere inventore dell’omonima arma morto a 94 anni

Un ritratto di Gaston Glock, il visionario inventore dell'omonima pistola.

Categorie Curiosità e Consigli
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Gaston Glock, un’ingegnere austriaco che ha rivoluzionato il mondo delle armi da fuoco con la sua iconica pistola Glock, è morto mercoledì all’età di 94 anni. La sua creazione è diventata la scelta preferita dalle forze di sicurezza nazionali, dagli ufficiali di polizia, dai criminali e dagli appassionati di armi in America e in tutto il mondo.

L’ascesa di una pistola innovativa

Prima di diventare un fenomeno globale, Glock gestiva una fabbrica di radiatori per auto vicino a Vienna e, insieme alla moglie, dirigeva un piccolo business nel loro garage producendo cerniere per porte, aste per tende e coltelli. Non aveva maneggiato un’arma da fuoco da quando era un giovane coscritto nell’esercito di Hitler durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il cambiamento arrivò nel 1980, quando Glock, casualmente, udì due ufficiali dell’esercito austriaco discutere su un potenziale nuovo contratto militare per una pistola. Dopo aver parlato con loro e consultato esperti di armi da fuoco, Glock progettò e brevettò una semiautomatica leggera da 9 millimetri, parzialmente realizzata in plastica resistente, in grado di sparare rapidamente 18 colpi e di essere facilmente ricaricata con un caricatore inserito nell’impugnatura.

La pistola era un blocco nero di forme rettangolari, privo dell’elegante impugnatura in legno o delle curve in acciaio liscio del revolver Smith & Wesson, ma era economica da produrre, precisa e affidabile, pronta a sparare anche dopo essere stata immersa nell’acqua, lasciata nella neve o caduta sul marciapiede. Sebbene le sue parti fossero in plastica, il suo cannone metallico attivava gli allarmi di sicurezza degli aeroporti. Nel 1982, l’esercito austriaco ordinò 20.000 Glock 17, così chiamate perché erano la 17ª invenzione di Glock.

Una presenza globale e controversa

Gaston Glock

La Glock si è diffusa rapidamente, soprattutto negli Stati Uniti, arrivando a metà degli anni ’80, quando i tassi di criminalità stavano salendo e gli ufficiali di polizia si sentivano sotto armati. Sono stati introdotti nuovi modelli e calibri con caricatori estesi. Due terzi delle forze di polizia americane, compresa quella di New York, adottarono la Glock, così come molte agenzie federali, statali e comunali.

Mentre le vendite di Glock raggiungevano i 100 milioni di dollari all’anno negli anni ’90, la pistola divenne nota sia per il suo uso nelle sparatorie di massa sia per la sua rappresentazione popolare come arma del crimine. Nonostante ciò, l’autore Paul M. Barrett, nel suo libro “Glock: The Rise of America’s Gun”, afferma che la pistola non è stata comunemente rintracciata nelle scene del crimine, molto meno di altre marche di armi da fuoco.

Gaston Glock: la vita personale di un visionario

Gaston Glock era nato a Vienna il 19 luglio 1929, figlio di un lavoratore ferroviario austriaco. Dopo il servizio militare, si laureò in un istituto tecnico e divenne ingegnere, salendo la scala aziendale fino a diventare manager. La sua vita personale fu segnata da una causa per il divorzio con la sua prima moglie, Helga, dopo 49 anni di matrimonio, seguita da un secondo matrimonio nel 2011 con Katherine Tschikof, sua infermiera durante un ictus nel 2008.

L’eredità di Gaston Glock

La morte di Gaston Glock segna la fine di un’era nell’industria delle armi da fuoco. La sua invenzione non solo ha cambiato il panorama delle armi leggere, ma ha anche suscitato dibattiti sull’uso delle armi e sulla regolamentazione. La sua eredità è complessa, intrisa di innovazione, controversie e un impatto duraturo sulla sicurezza globale.

La storia di Gaston Glock è un esempio classico dell’impatto che un singolo individuo può avere su un’intera industria e, in ultima analisi, sulla società a livello globale. Con il suo passaggio, si conclude un capitolo significativo nella storia dell’innovazione e della tecnologia delle armi da fuoco.