fbpx

Home » Il gigantesco iceberg A23a riprende a muoversi oltrepassando la punta settentrionale della Penisola Antartica

Il gigantesco iceberg A23a riprende a muoversi oltrepassando la punta settentrionale della Penisola Antartica

L'iceberg gigante A23a, staccatosi dall'Antartide nel 1986 e rimasto bloccato nel Mare di Weddell, si sta ora spostando oltre le acque antartiche, rappresentando una potenziale minaccia per l'ecosistema marino e la fauna selvatica locale, come foche e pinguini.

Categorie Biologia · Cambiamento climatico · Geologia
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Recenti immagini satellitari hanno rivelato che A23a, uno dei più grandi iceberg del mondo, sta rapidamente oltrepassando la punta settentrionale della Penisola Antartica. Questo gigante, che pesa quasi un trilione di tonnellate metriche, si era distaccato dalla Barriera di Ghiaccio Filchner dell’Antartide nel 1986. Tuttavia, rimase incagliato sul fondo oceanico e per anni è rimasto nella zona del Mare di Weddell.

Dimensioni colossali dell’iceberg A23a e implicazioni ambientali

iceberg A23a
L’iceber A23 a. Credits NASA/ZUMA Press Wire/Shutterstock

L’enormità di A23a è stupefacente: è circa tre volte la dimensione di New York City e più del doppio di quella di Greater London, misurando circa 4.000 km². La sua mobilità è una rarità osservata, e il suo possibile impatto sull’ambiente circostante è motivo di grande interesse scientifico. Oliver Marsh, glaciologo del British Antarctic Survey, ha sottolineato come gli scienziati stiano monitorando attentamente la sua traiettoria.

L’iceberg A23a è un potenziale pericolo per la fauna antartica

iceberg A23a

Il movimento di A23a potrebbe avere gravi consequenze per la fauna selvatica antartica. La foche antartiche, ad esempio, trovano sempre più difficile procurarsi il krill, essenziale per la loro alimentazione, e di conseguenza, il loro numero è drasticamente diminuito nell’ultimo decennio. Se A23a dovesse incagliarsi nuovamente, questa volta vicino all’isola della Georgia del Sud, potrebbe tagliare l’accesso vitale a milioni di foche, pinguini e uccelli marini che si riproducono sull’isola e si procurano il cibo nelle acque circostanti.

L’improvvisa ripresa di movimento dell’iceberg A23a è un fenomeno in attesa di spiegazione

Andrew Fleming, un esperto di telerilevamento del British Antarctic Survey, ha riferito che l’iceberg ha iniziato a muoversi nell’ultimo anno e ora sembra stia guadagnando velocità. Non è chiaro perché A23a abbia iniziato a muoversi proprio ora. “Con il tempo, è probabile che si sia leggermente assottigliato e abbia guadagnato un po’ di galleggiabilità in più che gli ha permesso di sollevarsi dal fondale oceanico e di essere spinto dalle correnti oceaniche,” ha spiegato Marsh.

Un futuro incerto ma significativo

iceberg A23a

La traiettoria futura di A23a rimane incerta. Potrebbe seguire il destino di un altro gigantesco iceberg, A68, che nel 2020 ha rischiato di collidere con la Georgia del Sud. Fortunatamente, A68 si è disintegrato in pezzi più piccoli, evitando una catastrofe ecologica. Tuttavia, Marsh avverte che un iceberg di questa scala ha il potenziale di sopravvivere a lungo nell’Oceano Meridionale, e potrebbe persino dirigersi più a nord verso il Sudafrica, dove potrebbe disturbare le rotte di navigazione.

La drammatica mobilità di A23a non è solo un fenomeno naturale impressionante, ma pone anche domande urgenti sulla salute del nostro pianeta e sugli effetti del cambiamento climatico. Mentre continuiamo a osservare il suo viaggio, rimaniamo consapevoli dell’importanza di monitorare e comprendere i cambiamenti nel nostro ambiente polare.