fbpx
venerdì, 5 Giugno, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Il paradosso di Mercurio

Il sistema solare è variegato più di quanto noi riusciamo ad immaginare. Quello che ci sembra ovvio e scontato non lo è su di un altro corpo celeste. Mercurio è il suo paradosso ne sono la prova. A causa di svariate “coincidenze fisiche” vale a dire risonanza orbitale, eccentricità dell’orbita precessione dei perielii, un anno solare mercuriano dura 88 giorni terrestri, mentre un giorno solare mercuriano dura ben 176 giorni terrestri.

Schema

Sia che non ci abbiate capito nulla, sia se da appassionati conoscete perfettamente il fenomeno, vi starete chiedendo in cosa consiste il paradosso. In sostanza Mercurio ruota intorno al proprio asse molto più lentamente di quanto impieghi ad orbitare intorno al Sole, proprio per i fenomeni fisici elencati prima. Dunque una persona nata sulla Terra il 1 gennaio 2015, compirebbe un anno (oppure 365 giorni terrestri) il 1 gennaio 2016. Su Mercurio invece, nello stesso arco di tempo avrebbe compiuto 4,1 anni ma allo stesso tempo 6,2 giorni. Assurdo, non trovate? Fate un respiro, mettetevi comodi e lasciatemi finire di spiegare. Questo fenomeno e l’alta eccentricità dell’orbita produrrebbero strani effetti per un osservatore sulla superficie di Mercurio.  Di seguito la “danza del Sole” su Mercurio:


Ad una certa longitudine l’osservatore vedrebbe il Sole sorgere e quindi aumentare gradatamente le sue dimensioni apparenti mentre si dirige verso lo zenit. A quel punto il Sole sembrerebbe fermarsi, tornare indietro, fermarsi di nuovo, prima di ricominciare il suo cammino verso l’orizzonte e diventare apparentemente più piccolo. Nel frattempo le stelle si muoverebbero attraverso il cielo ad una velocità tre volte maggiore. Altri osservatori a diverse longitudini sulla superficie di Mercurio vedrebbero movimenti differenti ma ugualmente bizzarri.


 

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedentePlanet Nine, il nono pianeta
Prossimo articoloFrom China with Love
Antonio Piazzollahttp://science.closeupengineering.it
Giornalista e divulgatore scientifico; caporedattore di Close-Up Engineering, è una delle firme di Forbes Italia e autore su Le Stelle, la rivista di divulgazione astronomica fondata da Margherita Hack. Ha collaborato con BBC Scienze Italia, HuffPost Italia, l’Espresso, Il Messaggero e Business Insider Italia.