fbpx

Home » Islanda: terza eruzione vulcanica in due mesi nella penisola di Reykjanes

Islanda: terza eruzione vulcanica in due mesi nella penisola di Reykjanes

L'Islanda ha dichiarato lo stato di emergenza a seguito di un'eruzione vulcanica sulla penisola di Reykjanes, che ha danneggiato tubature essenziali per l'acqua calda, influenzando migliaia di residenti. Questa è la terza eruzione in due mesi, con lava che minaccia ulteriori infrastrutture critiche, compresa la centrale geotermica di Svartsengi.

Categorie Geologia
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

L’Islanda è stata testimone, ancora una volta, della potenza inarrestabile della natura con una terza eruzione vulcanica in soli due mesi sulla penisola di Reykjanes, situata nel sud-ovest del paese, a breve distanza dalla capitale Reykjavík. Questo episodio vulcanico, avvenuto nelle prime ore del mattino, ha messo in luce la vulnerabilità delle infrastrutture umane di fronte alle forze geologiche, lasciando circa 20.000 persone senza riscaldamento in un momento in cui le temperature esterne oscillano tra i -11 e i -6 gradi Celsius.

Danni causati dalla terza eruzione nella penisola di Reykjanes in Islanda

Islanda Reykjanes
Centrale geotermica nella penisola di Reykjanes

La fessura, lunga 3 chilometri, da cui è fuoriuscita la lava, ha danneggiato le condutture attorno alla centrale geotermica di Svartsengi, essenziale per il riscaldamento di migliaia di abitazioni. Il danno non si limita a questo, con il timore che ulteriori avanzamenti della lava possano compromettere altre infrastrutture e influenzare il benessere di altre 30.000 persone nell’intera penisola. Sebbene siano state erette barriere per proteggera la centrale, il vero banco di prova sarà la capacità di queste difese di resistere all’assalto della natura

La comunità locale, abituata alla costante minaccia vulcanica grazie alla posizione geologica unica dell’Islanda, si è mossa rapidamente per mitigare gli effetti dell’eruzione. Sono state chiuse le scuole e le attrazioni turistiche, come la famosa Laguna Blu. Sono state, però, mantenute le operazioni aeroportuali.

Anche la risposta delle autorità islandesi non si è fatta attendere, con la dichiarazione dello stato di emergenza e l’attuazione di misure precauzionali, come la costruzione di barriere di roccia e terra. Tuttavia, queste difese hanno avuto un successo solo parziale nell’arginare l’avanzata della lava.

Cosa dice la comunità scientifica

La comunità scientifica, rappresentata da geofisici dell’Istituto meteorologico islandese, prevede che eventi eruttivi di questa natura possano ripetersi nei prossimi mesi, continuando a sfidare la popolazione e le infrastrutture dell’Islanda. Questo scenario sottolinea l’importanza della preparazione e della capacità di risposta in aree geologicamente attive come la penisola di Reykjanes.

Attività vulcanina nella penisola di Reykjanes in Islanda

L’Islanda, con i suoi 33 sistemi vulcanici attivi, è una terra scolpita dall’attività geologica continua. Queste eruzioni, pur non essendo esplosive come quella che nel 2011 ha mandato cenere nell’atmosfera, rappresentano comunque una sfida significativa per il paese. La storia recente della penisola di Reykjanes, che ha visto un periodo di attività vulcanica 800 anni fa durato decenni, ci ricorda che l’isola vive in un equilibrio precario con le forze della terra.

Il vulcano di Reykjanes, che fino al 2021 non aveva registrato eruzioni per circa otto secoli, sembra ora essere entrato in una nuova fase di attività, con cinque eruzioni verificatesi dal 2021 a questa parte, tra cui l’ultima in gennaio, che ha causato significativi danni alla città di Grindavík.

Questo recente episodio vulcanico non solo sottolinea la dinamica e imprevedibile natura della terra ma evidenzia anche l’ingegnosità e la resilienza delle comunità che vivono in simbiosi con questi ambienti estremi. Mentre l’Islanda affronta le sfide immediate di questa eruzione, il mondo osserva e impara dalla sua esperienza, ricordandoci la forza indomabile della natura e la nostra eterna lotta per adattarci e sopravvivere in mezzo a essa.