fbpx
giovedì, 24 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

La Nasa ha fotografato i luoghi in cui è ambientato il film “The Martian”

Schiapparelli
europapress.net

La Nasa ha fotografato i luoghi in cui è ambientato il film The Martian, grazie alla sonda Mro (Mars Reconnaissance Orbiter) in orbita in torno al pianeta rosso. Le immagini, catturate dal dispositivo fotografico Hirise (High Resolution Imaging Science Experiment) riguardano i siti di atterraggio delle missioni Ares 3 (nel film, che nella realtà corrisponde alla pianura Acidalia Planitia, e Ares 4 (che corrisponde al cratere Schiaparelli).

Acidalia Planitia
NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Acidalia Planitia è una vasta distesa, ricca di crateri, che viene frequentemente monitorata dalla sonda della Nasa così da tenere sotto controllo i suoi cambiamenti stagionali. Nel film è il luogo di atterraggio della missione Ares 3, vicina al luogo in cui il protagonista riesce a recuperare e a riattivare il rover Sojourner (primo rover nella storia a solcare il pianeta rosso nel 1997) così da poter comunicare nuovamente con la Terra. La Nasa ha fotografato anche l’orlo del cratere Marth che nel film è il cratere Mawrth: il terreno appare piuttosto corrugato e caratterizzato da numerosi crateri da impatto. Sono presenti anche alcune piccole dune di sabbia (o forse polvere).

Schiapparelli
NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Il cratere di Schiapparelli invece rappresenta un’area pianeggiante molto luminosa e interamente coperta di polvere uniforme rossastra senza variazione di colore. Non vi sono massi o rosse visibili e questo lascia indurre gli scienziati a credere che lo strato polveroso sia spesso almeno un metro. Nel film l’angolo a sud – ovest del cratere di Schiapparelli corrisponde alla zona di atterraggio di Ares 4.

Nella realtà questi siti, e cioè Acidalia Planitia ed il cratere di Schiapparelli, non sono mai stati scelti come luoghi di atterraggio per almeno due valide ragioni. La prima è per via della polvere che ha una bassa inerzia termica: si scalda maggiormente di giorno e si raffredda notevolmente di più di notte. Un’escursione termica così alta può creare problemi piuttosto seri ai veicoli spaziali. Il secondo motivo è che la polvere non permette di vedere cosa c’è sul suolo: un masso nascosto potrebbe avere un effetto iceberg durante la fare di atterraggio del veicolo.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Antonio Piazzolla
Giornalista e divulgatore scientifico; caporedattore di Close-Up Engineering, è una delle firme di Forbes Italia e autore su Le Stelle, la rivista di divulgazione astronomica fondata da Margherita Hack. Ha collaborato con BBC Scienze Italia, HuffPost Italia, l’Espresso, Il Messaggero e Business Insider Italia.