fbpx
giovedì, 1 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

La stimolazione elettrica del cervello migliora la memoria

I ricercatori della Mayo Clinic (una clinica di ricerca medica situata negli Stati Uniti) hanno scoperto che la memoria a breve termine può essere potenziata grazie ad una stimolazione elettrica della corteccia temporale del cervello, ovvero le regioni ai lati della testa dalle tempie alle orecchie.

Durante gli studi i pazienti sono riusciti a ricordare più parole da una lista precedentemente letta solo quando la stimolazione elettrica di bassa ampiezza è stata erogata al cervello. Un paziente riferì che era più facile immaginare le parole nella sua mente per ricordare.

 

I pazienti sono riusciti a ricordare più parole di una lista precedentemente letta stimolando il cervello con una stimolazione elettrica di bassa ampiezza
Ph: www.sciencedaily.com

“La scoperta più entusiasmante di questa ricerca è che la nostra memoria può essere migliorata stimolando direttamente questa area del cervello inesplorata”, dice Michal Kucewicz, ricercatore della Mayo Clinic presso il Dipartimento di Neurologia e coautore.

 

Stimolazione elettrica, il futuro delle malattie neurologiche

Le menomazioni della memoria sono un problema prevalente e costoso in molte malattie del cervello. Le terapie farmacologiche e comportamentali hanno un’efficacia limitata in molti casi. “La stimolazione elettrica del cervello invece sta emergendo come potenziale terapia per una vasta gamma di malattie neurologiche e psichiatriche”, afferma Gregory Worrell, neurologo della Mayo Clinic e autore senior dell’articolo.

“Il prossimo passo per questo progetto è determinare come applicare al meglio la corrente elettrica all’interno di questa area del cervello, i tempi e i parametri di stimolazione”, afferma Brent Berry, ricercatore presso il Dipartimento di Fisiologia e Ingegneria Biomedica e co-autore.

 

Lo studio

I ricercatori hanno focalizzato il loro studio su quattro aree del cervello note per supportare la memoria per fatti ed eventi che possono essere richiamati coscientemente.

I pazienti hanno letto un elenco di parole, una alla volta, sullo schermo di un computer e nello stesso momento è stata applicata una stimolazione elettrica in una determinata area del cervello. Dopo la lettura è stato chiesto ai pazienti di ricordare le parole in un ordine qualsiasi.

I quattro lobi del cervello. Durante lo studio i ricercatori hanno scoperto che i pazienti con stimolazione del lobo temporale hanno avuto maggiori prestazioni di memoria
Ph: http://fisiologicamente.altervista.org

 

Tra i 22 pazienti, i ricercatori hanno trovato prestazioni di memoria potenziate nei quattro pazienti con stimolazione della corteccia temporale laterale, ma non tra quelli stimolati in altre regioni del cervello.

“Questi risultati possono portare a nuovi dispositivi di stimolazione che trattano i deficit nella memoria e nella cognizione“, dice Jamie Van Gompel, un neurochirurgo della Mayo Clinic specializzato nella stimolazione cerebrale e un autore nello studio.

Lo studio apre nuove speranze anche a persone affette da epilessia che possono avere problemi nel ricordare fatti appena accaduti in quanto i circuiti celebrali, alla base della funzione di memoria, sono spesso influenzati da questa condizione neurologica. I ricercatori però sottolineano che ci sono ancora dei limiti nello studio come farmaci per il dolore o le crisi che possono influenzare le prestazioni del paziente.

 

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Milena Amiconihttp://science.closeupengineering.it
Studente di "Scienze e tecnologie chimiche" presso l' "Università degli Studi di Milano-Bicocca".