fbpx

Home » L’attività fisica per combattere l’invecchiamento delle sinapsi

L’attività fisica per combattere l’invecchiamento delle sinapsi

L'attività fisica permette ai cervelli degli anziani di avere più di una classe di proteine che migliora le connessioni tra i neuroni per mantenere una cognizione sana.

Categorie Senza categoria

Quando le persone anziane esercitano abitualmente attività fisica, il loro cervello ha più di una classe di proteine ​​che migliora le connessioni tra i neuroni per mantenere una sana capacità mentale. Ciò è quanto scoperto da uno studio della UC San Francisco pubblicato di recente nella rivista Alzheimer’s & Dementia: The Journal of the Alzheimer’s Association.

Questo impatto protettivo è stato riscontrato anche nelle persone il cui cervello durante l’autopsia era ricco di proteine ​​​​tossiche associate all’Alzheimer e ad altre malattie neurodegenerative.

Il nostro lavoro è il primo che utilizza i dati umani per dimostrare che la regolazione delle proteine ​​sinaptiche è correlata all’attività fisica e può guidare i benefici cognitivi che vediamo.

Kaitlin Casaletto, PhD, assistente professore di neurologia e autore principale dello studio

Gli effetti benefici dell’attività fisica sulla cognizione erano infatti già stati ampiamente dimostrati dagli esperimenti nei topi. Come in molti altri esperimenti in cui sono i topi a fare da cavia, dimostrare la validità dei risultati anche sull’uomo difficilmente risulta altrettanto semplice.

Casaletto, neuropsicologo e membro del Weill Institute for Neurosciences, ha lavorato con William Honer, professore di psichiatria presso la British Columbia e autore dello studio. La collaborazione ha permesso di sfruttare i dati del Memory and Aging Project presso la Rush University di Chicago. Quel progetto ha monitorato l’attività fisica in tarda età dei partecipanti anziani, che hanno anche accettato di donare il loro cervello dopo la morte.

Mantenere l’integrità di queste connessioni tra i neuroni può essere vitale per respingere la demenza, dal momento che la sinapsi è davvero il luogo in cui avviene la cognizione. L’attività fisica – uno strumento di pronta disponibilità – può aiutare a potenziare questo funzionamento sinaptico.

Kaitlin Casaletto

Avere più proteine significa avere segnali nervosi migliori

Honer e Casaletto hanno scoperto che le persone anziane che sono rimaste attive fisicamente avevano livelli più elevati di proteine ​​che facilitavano lo scambio di informazioni tra i neuroni. Questo risultato coincideva con la precedente scoperta di Honer. Secondo quest’ultima le persone con maggiori concentrazioni di queste proteine ​​​​nel cervello quando morivano mantenevano la loro cognizione più a lungo in vita.

Con loro sorpresa, i ricercatori hanno scoperto che gli effetti andavano oltre l’ippocampo. Oltre alla sede della memoria del cervello, anche altre regioni cerebrali associate alla funzione cognitiva entravano in gioco.

Può darsi che l’attività fisica eserciti un effetto di sostegno globale, sostenendo e stimolando la funzione sana delle proteine ​​che facilitano la trasmissione sinaptica in tutto il cervello

Honer, professore di psichiatria presso l’Università della British Columbia

Le sinapsi salvaguardano i cervelli che mostrano segni di demenza

Il cervello della maggior parte degli anziani accumula amiloide e taurina, proteine ​​tossiche che sono i segni caratteristici del morbo di Alzheimer. Molti scienziati ritengono che sia l’amiloide la prima ad accumularsi, e poi la taurina, causando insieme la rottura di sinapsi e neuroni.

Casaletto aveva precedentemente scoperto che l’integrità sinaptica, misurata nel liquido cerebrospinale di adulti viventi o nel tessuto cerebrale di adulti sottoposti ad autopsia, sembrava smorzare la relazione tra amiloide e taurina e tra taurina e neurodegenerazione.

Negli anziani con livelli più elevati di proteine ​​associate all’integrità sinaptica, l’avanzamento verso l’Alzheimer sembra essere fortemente attenuato. Presi insieme, questi due studi mostrano la potenziale importanza del mantenimento della salute sinaptica per supportare il cervello contro il morbo di Alzheimer.

Kaitlin Casaletto