martedì, 1 Dicembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Il metodo di studio Feynman, ovvero come dominare qualsiasi concetto

Il fisico Feynman propose un metodo di studio che si articola in tre punti. Garanzia di successo assicurata!

Sentiamo spesso parlare di metodo di studio, in relazione alla scuola oppure all’università. Ognuno di noi ha un modo tutto suo di studiare e di assimilare i concetti. C’è chi legge il libro due o tre volte senza sottolineare, c’è chi mentre legge fa delle mappe concettuali, c’è chi sottolinea ogni cosa con dozzine di colori diversi. Ma esistono delle regole valide per tutti, che consentano di imparare veramente e dominare un determinato argomento?

Il fisico Feynman

Richard Feynman (1918-1988), uno dei più grandi fisici teorici di sempre, premio Nobel nel 1965, aveva una teoria tutta sua. Egli odiava l’apprendimento meccanico e mnemonico, e si batteva per una didattica più dinamica e propositiva. Il professore riusciva a spiegare concetti molto complessi con una semplicità disarmante, in modo tale da renderli fruibili anche dai non addetti ai lavori. Per questi motivi Feynman si configura come teorico anticonformista, il cui obiettivo era trasformare radicalmente le modalità didattiche adoperate nelle università.

Il metodo di studio Feynman

Il presupposto del metodo di studio Feynman è quello di possedere almeno una prima infarinatura di un determinato argomento. Non è importante come si sia arrivati ad assimilare un dato concetto, se tramite lettura o a lezione, è importante l’elaborazione successiva del concetto stesso. Secondo Feynman, il corretto metodo di studio si articola in tre punti fondamentali. Vediamo quali sono!

  • Fai finta di spiegarlo ad un bambino. Si tratta di uno sforzo notevole, poiché bisogna spiegare un determinato argomento avanzato a dei bambini piccoli, che posseggono lessico e conoscenze limitate. Se si è in grado di far capire il concetto ad un bambino, evidentemente, la strada giusta è stata intrapresa.
  • Cerca di colmare le lacune. In ogni argomento ci sono dei passaggi poco chiari. Bisogna saperli individuare e porsi domande proprio su questi punti. Cercare quindi di risolvere la matassa, magari approfondendo su altre fonti. Una volta fatto ciò, l’esposizione sarà più chiara e fluida, poiché l’apprendimento dell’argomento sarà più robusto.
  • Rielabora e semplifica. Una volta che si dominano tutti i concetti, si possono riorganizzare e semplificare a proprio piacimento. Non significa, ovviamente, modificare i contenuti, ma guardare l’argomento con un’ottica diversa e personale, cercando di trovare dei collegamenti con altri concetti della stessa disciplina, oppure addirittura con materie diametralmente opposte.

La prova del nove

L’ultimo passaggio, d’obbligo, è quello di ripetere ad alta voce l’argomento dinanzi ad un interlocutore reale. Può essere vostra madre, vostro padre, o, meglio ancora (vedi punto 1), il vostro cuginetto più piccolo. Se anche un individuo che non conosce nulla dell’argomento riesce a comprenderne i punti chiave, significa che il vostro apprendimento è completo e, soprattutto, non meccanico.

La differenza fra studiare a memoria ed apprendere

Il metodo Feynman mette in risalto la profonda differenza che esiste fra studiare a memoria ed apprendere. Il primo è semplicemente memorizzazione forzata di nomi, date e luoghi. Non costituisce la vera conoscenza, poiché le nozioni imparate vengono dimenticate dopo poche settimane, proprio perché non apprese nella giusta maniera. Apprendere, invece, significa dedicare del tempo e lavorare sodo su un determinato argomento. Cercare di sviscerarlo, di studiarlo da tutte le angolazioni possibili. Una volta che si è fatto ciò, sarà difficile dimenticarsi i concetti appresi, e, cosa ancora più degna di nota, si sarà in grado di insegnarlo anche ad una classe di prima elementare.

Come afferma lo stesso Feynman in una famosa intervista:

Si può apprendere il nome di un tordo in tutte le lingue del mondo, senza capire assolutamente nulla della sua migrazione, di dove vive e di che suoni produce

Adesso tocca a voi! Mettetevi alla prova e provate il rivoluzionario metodo Feynman!

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su sciencecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Andrea Wronahttps://sciencecue.it
Salentino di origine, con diploma di liceo classico e laurea triennale in Ingegneria Informatica e Automatica presso l'Università Sapienza di Roma. Appassionato di matematica, fisica e letteratura greco-latina, amo informarmi sulle nuove scoperte, contemplare la bellezza di luoghi inediti e farmi sorprendere dalle altre culture e tradizioni.