fbpx
giovedì, 1 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Microsoft e i data center nel Pacifico

L’azienda Project Natick ha trovato una soluzione geniale e soprattutto “sostenibile” per sostenere la richiesta, sempre più elevata a causa di Internet, per raffreddare i server dei dati. Una capsula contenente i data center è stata inabissata nell’Oceano Pacifico. Il test, iniziato ad agosto 2015, si è concluso lo scorso novembre: prevedeva la collocazione di un data center a 9 metri sotto la superficie del mare. Dopo i 105 giorni previsti di “stress test”, i risultati hanno rilevato che la trovata sembra funzionare e saranno previsti ulteriori test.

Microsoft
Il team del Project Natick posa con la capsula d’acciaio da 17 tonnellate contenente i server. Credits: MICROSOFT

Le temperature dell’oceano sono tra le più basse degli ambienti terrestri: una soluzione dunque efficace, economica ed eco-sostenibile considerata anche la possibilità di collocare i data center vicino ai centri urbani (metà della popolazione mondiale infatti vive entro 200 chilometri dal mare) rendendo più tempestivi gli interventi di manutenzione.

Microsoft Data Center - Oceano Pacifico
La capsula mentre viene calata nelle acque dell’Oceano Pacifico.

Dopo i tre mesi di test, al largo di San Luis Obispola (in California), i ricercatori hanno valutato soprattutto le ricadute sull’ecosistema della capsula che era configurata con una potenza equivalente a quella di 300 computer desktop. L’esito è stato del tutto positivo: il rumore prodotto dai gamberi attorno alla capsula è maggiore di quello generato dai server e che il riscaldamento dell’acqua è percepibile solo fino ad alcuni centimetri dalla struttura in acciaio. Gli effetti su larga scala saranno valutati nei prossimi test.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente50 sfumature di Luna
Prossimo articoloOnde Gravitazionali? Tutto vero!
Antonio Piazzolla
Giornalista e divulgatore scientifico; caporedattore di Close-Up Engineering, è una delle firme di Forbes Italia e autore su Le Stelle, la rivista di divulgazione astronomica fondata da Margherita Hack. Ha collaborato con BBC Scienze Italia, HuffPost Italia, l’Espresso, Il Messaggero e Business Insider Italia.