fbpx

Home » Una molecola sintetica perfetta: nuove prospettive con tecnologia quantistica

Una molecola sintetica perfetta: nuove prospettive con tecnologia quantistica

Un simulatore quantistico ha permesso di produrre una molecola sintetica identica alla sua controparte naturale. Ecco in che modo.

Categorie Chimica · Scienza
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Per la prima volta nella storia, una molecola sintetica creata in laboratorio è risultata identica alla sua controparte naturale. Pubblicato sulla rivista Science, il risultato è stato ottenuto utilizzando un simulatore quantistico sviluppato dalla Radboud University in Olanda. La molecola scelta per questa innovativa tecnologia è il benzene, un componente fondamentale del petrolio. Questo incredibile progresso apre nuove possibilità per il futuro, comprese applicazioni rivoluzionarie tra cui nuovi materiali per computer di nuova generazione e la miniaturizzazione di dispositivi elettronici basati su singole molecole.

La sintesi di una molecola sintetica

L’obiettivo dello studio era quello di creare molecole artificiali che fossero incredibilmente simili a quelle naturali. Per raggiungere questo risultato, i ricercatori hanno sviluppato un sistema in grado di intrappolare gli elettroni, i componenti fondamentali degli atomi insieme ai protoni e ai neutroni. Questi elettroni intrappolati hanno permesso di costruire una molecola sintetica che presenta una straordinaria somiglianza con quella naturale.

Creare una molecola sintetica non è facile, infatti occorre comprenderne il comportamento, ad esempio come reagisce alle deformazioni o alle alterazioni. La creazione di molecole sintetiche è un processo che richiede una profonda conoscenza della chimica e delle reazioni chimiche. Gli scienziati possono iniziare con reagenti chimici e, attraverso una serie di reazioni chimiche, possono manipolare gli atomi e i legami chimici per costruire la molecola desiderata.

Molecola sintetica vs naturale

L’obiettivo principale della simulazione molecolare era quello di modificare le molecole in modi quasi impossibili da ottenere con le molecole naturali. Questo approccio permette ai ricercatori di studiare le molecole naturali senza dover affrontare le sfide che comporta la loro forma in continua evoluzione. Le molecole sintetiche offrono diverse opportunità e vantaggi rispetto alle molecole naturali. Poiché sono create in laboratorio, gli scienziati possono controllare e modificare la struttura molecolare per ottenere proprietà specifiche. Ad esempio, possono regolare la solubilità, la reattività chimica o la stabilità delle molecole sintetiche per adattarle a scopi specifici, come la produzione di farmaci, materiali avanzati o nuove tecnologie.

Inoltre, le molecole sintetiche consentono agli scienziati di esplorare nuovi composti e creare strutture che non esistono in natura. Le molecole sintetiche possono essere utilizzate per studiare le proprietà chimiche e fisiche, comprese le reazioni chimiche, in modo più approfondito. Possono anche essere impiegate per creare materiali con caratteristiche uniche e personalizzate. Questi possono poi essere utilizzati in vari settori, come l’elettronica, la medicina, l’energia e molto altro.

Il ruolo dei simulatori quantistici

Il simulatore quantistico impiegato nello studio è un dispositivo speciale progettato per fornire informazioni su problemi fisici specifici. Questa tecnica innovativa è già nota e utilizzata con successo in vari esperimenti, che coinvolgono gas quantistici ultrafreddi, circuiti superconduttori e cristalli temporali. I simulatori quantistici rappresentano un’alternativa promettente ai computer classici e ai supercomputer per comprendere le proprietà di sistemi complessi. Offrono un controllo preciso e la possibilità di variare liberamente i parametri del sistema. A differenza dei computer classici, che utilizzano bit tradizionali per rappresentare informazioni, i simulatori quantistici sfruttano i principi della meccanica quantistica per manipolare e analizzare lo stato quantico di particelle subatomiche, come atomi e fotoni.

I simulatori quantistici offrono un’alternativa promettente ai computer classici nella comprensione di sistemi complessi, come le proprietà delle molecole e le reazioni chimiche. Possono essere utilizzati per risolvere problemi che richiedono un’enorme potenza di calcolo e che sono al di là delle capacità dei computer tradizionali. I simulatori quantistici quindi sono uno strumento prezioso per la ricerca scientifica e offrono nuove prospettive per l’avanzamento delle tecnologie quantistiche e la comprensione dei fenomeni fisici fondamentali.

molecola sintetica

Applicazioni e prospettive future

Secondo i ricercatori coinvolti nello studio, questa tecnica di simulazione molecolare offre un’enorme varietà di possibili applicazioni. Per esempio, la simulazione tramite simulatori quantistici consentirà una comprensione più approfondita delle molecole e delle loro reazioni, offrendo così vantaggi in diversi campi di ricerca. Inoltre, questa tecnologia potrebbe essere utilizzata per simulare e valutare nuovi materiali destinati ai computer del futuro, consentendo di valutarne le proprietà prima della loro effettiva produzione. Nel lungo termine, si potrebbe persino arrivare a studiare le reazioni chimiche passo dopo passo, come in un video al rallentatore. Infine, si potranno creare dispositivi elettronici basati su singole molecole, permettendo una drastica riduzione delle dimensioni dei transistor e aprendo nuovi orizzonti per la miniaturizzazione dei dispositivi.