fbpx

Home » Perché non si possono portare liquidi in aereo?

Perché non si possono portare liquidi in aereo?

Ti sei mai chiesto perché non puoi portare i liquidi in aereo? O perché i flaconi devono essere al massimo di 100 ml? Regole e organizzazioni ci tutelano ogni giorno per far sì che il nostro viaggio sia il più sicuro possibile. Ecco per te alcune semplici regole da seguire per la tua prossima avventura!

Categorie Chimica · Curiosità e Consigli · Viaggi
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Ti è mai capitato di arrivare in aeroporto e stare ore interminabili al controllo bagagli? Ti sei mai chiesto perché sia così importante avere i liquidi ben chiusi in un sacchetto trasparente o il perché questi non possano superare una determinata capienza? In realtà non esistono vere e proprie leggi che regolamentano tutto questo ma diverse organizzazioni e norme civili si preoccupano di rimanere vigili riguardo i controlli negli aeroporti affinché non vengano portate sugli aerei sostanze chimiche nocive o esplosivi nascosti. Perché non si possono portare liquidi in aereo?

Ha senso certo che oggetti come forbici o cavatappi, per esempio, non possano essere introdotti in valigia perché contundenti, ma cosa c’è di così pericoloso in una bottiglia d’acqua o nel nostro profumo preferito? Perché si parla tanto delle norme sui liquidi in aereo? Vediamo di svelare qualche piccolo trucchetto per il tuo prossimo viaggio.

liquidi in aereo

Perché non si possono portare liquidi in aereo? Tutta questione di sicurezza

È una questione di sicurezza: di questi tempi non sono pochi gli esempi di creazione di esplosivi con bottiglie d’acqua o persino con tubetti di dentifricio. Dal famoso attacco alle Torri Gemelle, nel lontano 11 settembre 2001, le compagnie si preoccupano di controllare scrupolosamente qualsiasi cosa venga introdotta all’interno degli aerei.

Non sono pochi i casi nei quali materiali esplosivi e sostanze chimiche sono state disciolte in acqua o come profumi, sostanze altamente infiammabili e quindi pericolose per la sicurezza a bordo. Per questo motivo sono state adottate le regole su “Liquidi, Aerosol e Gel (o LAG)”: molti sostengono, però, che non sia la soluzione migliore. Di fatto non esiste nemmeno un documento nazionale che attesti questi standard sulla sicurezza nel settore dell’aviazione. Per questo sono state create organizzazioni che si preoccupano di tutelare la sicurezza del passeggero a bordo e nel contempo controllano la manutenzione aerea nella sua accezione più generale.

liquidi in aereo

Non si tratta solo di regolamentare determinati comportamenti ma entra in scena anche la scienza, e soprattutto, la chimica. Quindi, Perché non si possono portare liquidi in aereo? Per colpa di alcune sostanze! Non parliamo di sostanze come la nitroglicerina (difficile da trasportare e facilmente rilevabile), ma di quei materiali creati ad hoc e che potremmo chiamare “esplosivi binari“. Hanno ricevuto tale denominazione in quanto composti da due fasi: una liquida, che deve essere disciolta in acqua e con una potenza detonante devastante, l’altra in polvere, quindi facile da nascondere nella cipria o nell’ombretto.

Gli esplosivi binari sono di per sé un prodotto recente e per questo non riconoscibili al metal detector. Sono state create inoltre delle composizioni “fai da te”, le più note sono due: la TATP (Triacetone Triperoxide) e la ANFO (Ammonium Nitrate and Fuel Oil). Il principale problema al quale si deve far fronte è l’estrema potenza che questi composti possono avere, proprio per questo servono organizzazioni che si prendano la responsabilità di verificare attentamente ogni controllo di sicurezza.

L’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO) regola tutto ciò che riguarda i voli: dalla progettazione degli aerei fino alle regole di trasporto. L’ICAO emette lunghi documenti con norme che tutti i paesi membri devono rispettare e alcune raccomandazioni da seguire, inviando anche revisori per verificare che i paesi partner rispettino le norme. Ma gli aeroporti e le compagnie aeree possono anche avere regole proprie.

Ad esempio, nel 2016, molte compagnie hanno vietato di volare con il Samsung Galaxy Note 7, dispositivo coinvolto in alcuni incidenti dovuti a un difetto nella saldatura della batteria. Questa richiesta è stata fatta senza attendere un divieto ufficiale da parte delle autorità. Ma la lista di cose che possono e non possono essere portate nel bagaglio da imbarcare e in quello a mano sono le stesse in ogni luogo, ecco una lista delle cose che sarebbe bene non dimenticare.

Alcune cose da tenere a mente per il prossimo viaggio

liquidi in aereo

All’interno del bagaglio a mano non si possono trasportare liquidi, gel e aerosol in contenitori che superino i 100 ml di capienza. Quindi non è possibile portarsi un intero shampoo, bensì diviso in flaconi più piccoli. Questi contenitori da massimo 100 ml devono essere inseriti in un unico sacchetto di plastica trasparente e sigillabile. Il sacchetto non deve superare i 20×20 cm e deve anche potersi chiudere: tutte queste regole si applicano ad ogni passeggero e ad ogni tipo di liquido. Non solo bevande, dentifricio, crema solare, deodorante o gel, anche mascara e lucidalabbra, tutti articoli che devono rispettare le regole.

Ci sono alcune eccezioni a questa regola rigorosa dei liquidi: per quanto riguarda il cibo per bambini si può portare la quantità di cui ha bisogno l’infante (fino a due anni) durante il volo. Inoltre, se si utilizzano farmaci è necessario fornire la ricetta del medico che indica la quantità totale cui si ha bisogno durante il volo. In caso contrario, purtroppo, alcune compagnie aeree potrebbero chiederti di lasciarle nel bagaglio da imbarcare. Per qualsiasi perplessità sarebbe opportuno controllare il sito web della sicurezza aeroportuale o anche quello dell’ICAO.

Cosa succede se hai dei liquidi che non rispettano le regole?

liquidi in aereo

Prima di tutto se ti hanno trovato degli articoli vietati in borsa prima del check-in puoi darli a chi ti ha accompagnato all’aeroporto o metterli in auto, se l’hai lasciata nel parcheggio. Naturalmente si parla di oggetti che non possono andare nemmeno nel bagaglio da imbarcare.

Un’altra opzione potrebbe essere quella di consegnare questi oggetti direttamente all’aeroporto, se hai già fatto il check-in e vengono trovati dopo. Potrai sempre recarti al banco di registrazione e compilare i documenti che attestino che ti vengono sequestrati determinati prodotti, in questo modo potrai recuperarli al tuo ritorno. Ma è sempre meglio evitare tutti questi problemi e sapere prima cosa si può portare e che cosa no.

Dopotutto gli aeroporti sono abbastanza stressanti e di certo non è di buon auspicio cominciare un viaggio con file infinite ai controlli, solo per un liquido che non potevi non lasciare a casa. In questo articolo abbiamo fatto chiarezza su alcune informazioni solitamente poco note ai passeggeri ma che speriamo possano aiutarti per la tua prossima avventura. Non ci resta quindi che augurarti buon viaggio!