fbpx

Home » Perchè si regala la mimosa l’8 marzo?

Perchè si regala la mimosa l’8 marzo?

La tradizione di donare mimose l'8 marzo nasce in Italia nel dopoguerra come simbolo economico e accessibile di lotta e speranza, promossa da esponenti della resistenza e del PCI per celebrare la Giornata Internazionale della Donna.

Categorie Curiosità e Consigli
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Ogni 8 marzo, le strade d’Italia si tingono di giallo. Questo non è dovuto a un caso della natura, ma a una tradizione profondamente radicata nella cultura italiana: la donazione di un ramoscello di mimosa per celebrare la Giornata Internazionale della Donna. Questo gesto, per alcuni, rappresenta un omaggio quasi sacro, per altri è un semplice atto di cortesia, mentre alcuni lo ritengono inappropriato. Ma da dove nasce questa consuetudine unicamente italiana?

Radici profonde in tempi di cambiamento

La mimosa, con la sua fioritura invernale e il costo accessibile, fu scelta come simbolo della Festa della Donna in Italia nel secondo dopoguerra, precisamente nel 1946. Questa scelta fu promossa da esponenti del Partito Comunista Italiano (PCI) e dell’Unione delle Donne in Italia (UDI), segnando una netta distanza dalla precedente indifferenza del periodo fascista nei confronti della ricorrenza. La proposta originaria era quella di utilizzare la violetta, fiore tradizionale della sinistra europea, ma fu scartata per la sua scarsa disponibilità e il costo elevato, specie in un’Italia segnata dalle ferite della guerra.

Teresa Mattei e la scelta della mimosa

mimosa

Tra le figure chiave di questo cambiamento si distingue Teresa Mattei, ex partigiana e fervente attivista per i diritti delle donne. La scelta della mimosa fu dettata non solo dalla sua economicità e dalla facilità di reperimento ma anche da un simbolismo profondo, legato alle esperienze della Resistenza. La mimosa era il fiore che i partigiani regalavano alle staffette, ricordando così la lotta e il sacrificio sulle montagne. Questa decisione trasformò un semplice fiore in un simbolo di resistenza, memoria e speranza.

La mimosa oggi: simbolo di impegno e memoria

La tradizione della mimosa, nonostante le sue origini modeste, è riuscita a fiorire e a mantenere il suo significato nel corso degli anni. È diventata un simbolo riconosciuto della lotta per i diritti delle donne in Italia, un promemoria visivo dell’impegno costante verso l’uguaglianza e il riconoscimento. La mimosa non è solo un omaggio floreale ma rappresenta il riconoscimento delle battaglie combattute dalle donne nel corso della storia, dalle resistenze partigiane fino alle sfide odierne per la parità di genere.

La storia della mimosa per l’8 marzo è un esempio eloquente di come un gesto semplice possa acquisire un profondo significato storico e culturale. È un promemoria della capacità di resistenza e rinnovamento del popolo italiano, e soprattutto della forza delle donne che hanno lottato e continuano a lottare per i propri diritti e per un futuro più equo. Ogni ramoscello di mimosa regalato il giorno della Festa della Donna è un tributo a queste battaglie, un segno di riconoscimento e di speranza per il cammino che ancora ci attende verso l’uguaglianza.