fbpx

Home » Piano di evacuazione dei Campi Flegrei, arriverà entro tre mesi

Piano di evacuazione dei Campi Flegrei, arriverà entro tre mesi

A causa dei frequenti terremoti, il governo pianifica il piano di evacuazione dei Campi Flegrei, con misure per affrontare il rischio

Categorie Eventi · Geologia
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Il governo prevede l’elaborazione di un piano di evacuazione dei Campi Flegrei entro tre mesi. I frequenti terremoti hanno suscitato preoccupazioni tra gli esperti, portando il governo italiano a pianificare una possibile evacuazione di massa. In questa regione, un’area di 12 chilometri quadrati a ovest di Napoli, mezzo milione di persone vive sopra un vulcano sotterraneo con 70 bocche attive. Ecco le misure che saranno introdotte per affrontare questa emergenza e garantire la sicurezza della popolazione.

L’attività sismica dei Campi Flegrei

I Campi Flegrei, una vasta area vulcanica a ovest di Napoli, sono costellati da città e paesi, tra cui Pozzuoli, Agnano e Bacoli, abitati da oltre 350.000 persone. La caldera vulcanica è composta da una settantina di crateri e rappresenta una minaccia per la popolazione circostante. L’area ha recentemente sperimentato un aumento dell’attività sismica, con oltre 1.100 terremoti nell’ultimo mese. Nei Campi Flegrei si è manifestato sia un aumento della frequenza sia un aumento nell’intensità dei terremoti. Questi eventi sono stati registrati da strumenti di monitoraggio geologico. L’attività sismica è stata concentrata in diverse zone all’interno dei Campi Flegrei, creando una crescente preoccupazione tra gli scienziati e le autorità locali.

piano di evacuazione

Gli scienziati attribuiscono l’aumento dell’attività sismica nella regione al fenomeno del bradisismo. Il bradisismo è un movimento del suolo verticale, in cui il terreno si solleva o si abbassa a causa di cambiamenti nella pressione dei fluidi sotterranei, inclusi i fluidi magmatici. Questi cambiamenti possono essere indicatori di attività vulcanica imminente. Il bradisismo può innescare terremoti quando il terreno si muove, causando scosse sismiche nella regione.

Cosa prevede il piano di evacuazione dei Campi Flegrei

Di fronte a questa minaccia imminente, il governo italiano ha introdotto un decreto legge per affrontare l’emergenza. Il piano prevede un’analisi del rischio nelle zone interessate dal bradisismo e la messa in sicurezza degli edifici pubblici e privati. Il governo ha stanziato oltre 52 milioni di euro per attuare questi piani di sicurezza. L’elaborazione del piano richiederà una cooperazione tra il governo centrale, le autorità locali e le comunità, per sviluppare e implementare strategie efficaci per la sicurezza pubblica. L’obiettivo principale infatti è trasformare le preoccupazioni immediate in azioni preventive concrete. Questo garantirà che le persone possano essere protette e preparate di fronte a una possibile emergenza legata ai terremoti dei Campi Flegrei.

La proposta del governo si sviluppa su diversi punti chiave:

  • Analisi del rischio: prevede un’analisi dettagliata delle microzone per valutare la sismicità e identificare le vulnerabilità degli edifici pubblici e privati.
  • Programma di monitoraggio sismico: un piano intensificato di monitoraggio sismico permette di rilevare tempestivamente le variazioni nell’attività vulcanica.
  • Piano di evacuazione: l’elaborazione del piano di evacuazione coinvolge le autorità locali, le amministrazioni territoriali e la Protezione Civile. Questo piano sarà testato attraverso esercitazioni per garantire l’efficacia delle procedure.
  • Sensibilizzazione e comunicazione: il piano di comunicazione coinvolge le scuole, i media e la comunità. L’obiettivo è informare la popolazione sulle procedure di evacuazione e sensibilizzare sulle misure preventive.
piano di evacuazione
Credit: ANSA

Affrontare il rischio dei terremoti dei Campi Flegrei

In vista del rischio imminente, il governo ha avviato prove di evacuazione negli ospedali dei Campi Flegrei. Queste simulazioni infatti sono fondamentali per garantire che le strutture sanitarie siano pronte ad affrontare situazioni di emergenza. Contestualmente, i comuni locali, come Pozzuoli, stanno conducendo verifiche approfondite sugli edifici e stanno preparando database per identificare i cittadini vulnerabili. Un aspetto essenziale del piano è la sensibilizzazione della comunità. Saranno organizzate campagne informative per educare la popolazione sulle misure preventive, sulle vie di evacuazione designate e sui comportamenti sicuri da seguire in caso di emergenza.

Il piano prevede anche il potenziamento delle infrastrutture di emergenza, tra cui la creazione di strutture temporanee per l’accoglienza della popolazione evacuata. Queste strutture sono dotate di servizi essenziali come cibo, acqua potabile, assistenza medica e supporto psicologico. Una risposta efficace a questa emergenza richiede inoltre una forte collaborazione tra il governo centrale, le regioni interessate e le autorità locali. La cooperazione deve estendersi oltre il solo finanziamento e includere lo scambio continuo di informazioni scientifiche, la pianificazione congiunta delle esercitazioni e la condivisione delle migliori pratiche.