fbpx

Home » Premio Nobel per la Medicina agli scienziati dietro ai vaccini mRNA utilizzati contro il Covid-19

Premio Nobel per la Medicina agli scienziati dietro ai vaccini mRNA utilizzati contro il Covid-19

Premio Nobel per la Medicina assegnato agli scienziati dietro le scoperte sulle modifiche delle basi nucleosidiche che hanno reso possibili gli efficaci vaccini a mRNA contro il COVID-19.

Categorie Medicina
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Il Premio Nobel per la Fisiologia o Medicina del 2023 è stato assegnato congiuntamente a Katalin Karikó e Drew Weissman per le loro scoperte rivoluzionarie relative alle modifiche delle basi nucleosidiche che hanno giocato un ruolo cruciale nello sviluppo degli altamente efficaci vaccini a mRNA contro il COVID-19. Questo prestigioso riconoscimento mette in luce l’importante impatto del loro lavoro sulla salute globale.

Premio Nobel per la Medicina: le scoperte di Katalin Karikó e Drew Weissman

Premio Nobel per la Medicina

Le scoperte di Karikó e Weissman hanno rivoluzionato il campo dei vaccini basati su mRNA, consentendo lo sviluppo rapido e la distribuzione di vaccini durante la pandemia di COVID-19. La loro ricerca ha cambiato radicalmente la nostra comprensione di come l’mRNA interagisca con il sistema immunitario, aprendo la strada a uno sviluppo vaccinale senza precedenti in un momento in cui il mondo si trovava di fronte a una delle più grandi minacce alla salute nella storia moderna.

Metodi tradizionali di produzione dei vaccini

Tradizionalmente, i vaccini si basavano su virus indeboliti o uccisi, ma l’avvento della biologia molecolare ha permesso lo sviluppo di vaccini basati su componenti virali individuali. Tuttavia, questi metodi richiedevano spesso una coltura cellulare su larga scala, limitando la capacità di rispondere rapidamente a focolai ed epidemie. È qui che entra in gioco il potenziale rivoluzionario dei vaccini a mRNA.

Negli anni ’80 sono stati introdotti metodi efficienti per la produzione di mRNA senza la necessità di colture cellulari, noti come trascrizione in vitro. Sebbene fosse un progresso significativo, presentava sfide come l’instabilità dell’mRNA e la necessità di avanzati sistemi di trasporto lipidico per incapsulare l’mRNA. Karikó, una biochimica ungherese, non si è fatta scoraggiare da questi ostacoli e è rimasta impegnata nel realizzare il potenziale terapeutico dell’mRNA durante il suo incarico presso l’Università della Pennsylvania all’inizio degli anni ’90.

Premio Nobel per la Medicina: la svolta di Katalin Karikó e Drew Weissman

Premio Nobel per la Medicina

Collaborando con l’immunologo Drew Weissman, il duo ha fatto una svolta cruciale. Hanno scoperto che le cellule dendritiche riconoscono l’mRNA trascritto in vitro come una sostanza straniera, scatenando reazioni infiammatorie. Ciò li ha spinti a indagare sul ruolo delle modifiche chimiche dell’mRNA, in particolare sull’assenza di basi modificate nell’mRNA trascritto in vitro. I loro esperimenti hanno rivelato che le modifiche delle basi riducevano significativamente le risposte infiammatorie e aumentavano la produzione di proteine quando veniva somministrato alle cellule. Questi risultati rivoluzionari, pubblicati nel 2005, hanno gettato le basi per le terapie e i vaccini basati su mRNA.

L’impatto concreto del loro lavoro è emerso durante la pandemia di COVID-19. Sono stati sviluppati due vaccini a mRNA con modifiche delle basi, che codificavano la proteina di superficie del SARS-CoV-2, con un’efficacia del 95% e l’approvazione avvenuta già nel dicembre 2020. La flessibilità e la rapidità nello sviluppo dei vaccini a mRNA gettano le basi per affrontare altre malattie infettive e persino per consegnare proteine terapeutiche e trattare alcuni tipi di cancro.

In un anno segnato da sforzi di vaccinazione globale senza precedenti, i contributi di Katalin Karikó e Drew Weissman hanno giocato un ruolo cruciale nel salvare vite e mitigare l’impatto della pandemia. Le loro scoperte rivoluzionarie hanno non solo trasformato il nostro approccio ai vaccini, ma hanno anche dimostrato il grande potenziale della tecnologia mRNA nell’ambito sanitario.

Questi laureati Nobel hanno dimostrato che l’innovazione scientifica e la determinazione possono portare a soluzioni trasformative durante i periodi di crisi, lasciando un’impronta indelebile nel panorama della medicina e dello sviluppo dei vaccini.

Chi sono i Premio Nobel per la Medicina 2023

Katalin Karikó è nata nel 1955 a Szolnok, in Ungheria. Ha conseguito il dottorato di ricerca presso l’Università di Szeged nel 1982 e ha svolto ricerche post-dottorato presso l’Accademia delle Scienze ungherese a Szeged fino al 1985. Successivamente ha svolto ricerche post-dottorato presso la Temple University di Philadelphia e presso l’Università di Health Science di Bethesda. Nel 1989 è stata nominata Assistente Professore presso l’Università della Pennsylvania, dove è rimasta fino al 2013. Dopo di ciò, è diventata vice presidente e successivamente vice presidente senior presso BioNTech RNA Pharmaceuticals. Dal 2021, è Professore presso l’Università di Szeged e Professore Aggiunto presso la Scuola di Medicina Perelman dell’Università della Pennsylvania.

Drew Weissman è nato nel 1959 a Lexington, Massachusetts, USA. Ha conseguito i gradi di dottore in medicina e dottore in filosofia presso la Boston University nel 1987. Ha svolto la sua formazione clinica presso il Beth Israel Deaconess Medical Center della Harvard Medical School e ricerche post-dottorato presso i National Institutes of Health. Nel 1997, Weissman ha fondato il suo gruppo di ricerca presso la Scuola di Medicina Perelman dell’Università della Pennsylvania. È il Roberts Family Professor in Vaccine Research e Direttore del Penn Institute for RNA Innovations.

FONTI VERIFICATE

  • The Nobel Prize – Press Release
  • Karikó, K., Buckstein, M., Ni, H., & Weissman, D. (2005). Suppression of RNA Recognition by Toll-like Receptors: The impact of nucleoside modification and the evolutionary origin of RNA. Immunity, 23(2), 165–175.
  • Karikó, K., Muramatsu, H., Welsh, F. A., Ludwig, J., Kato, H., Akira, S., & Weissman, D. (2008). Incorporation of pseudouridine into mRNA yields