La ricerca, pubblicata su JAMA Internal Medicine, ha rilevato che coloro che hanno scelto alimenti biologici da più di 4,5 anni hanno avuto tassi di cancro leggermente più bassi, in particolare il linfoma e il cancro al seno in postmenopausa.

Ma, mentre esiste una correlazione tra mangiare cibi biologici e tassi più bassi di cancro, non significa necessariamente che uno ha causato l’altro.

Come notano i ricercatori, questo è il primo studio nel suo genere. I risultati devono essere confermati in altri studi prima che il cibo biologico possa essere proposto come strategia preventiva contro il cancro.

Come è stata condotta la ricerca?

Questa ricerca faceva parte dello studio francese NutriNet-Santé e comprendeva quasi 70.000 volontari senza cancro.

La dieta di ciascun partecipante è stata monitorata in tre momenti diversi nell’arco di 24 ore, per due settimane.

Ai partecipanti è stato chiesto di fornire informazioni specifiche sul loro consumo di 16 categorie di alimenti biologici. Questo includeva frutta, verdura, prodotti a base di soia, latticini, carne e pesce e così via.

Per essere riconosciuti come prodotti biologici devono seguire delle regole. Queste regole comprendono : i prodotti agricoli(compresa acquacoltura) non trasformati o destinati all alimentazione umana, i mangimi, le sementi per la coltivazione, i lieviti usati come alimenti o mangimi.

Con cibi biologici si intende gli alimenti prodotti senza l’uso di pesticidi di sintesi o OGM, sfruttando la naturale fertilità del suolo (Dieci VERO o FALSO sul biologico).

I partecipanti hanno quindi ricevuto un “punteggio di cibo biologico”. Scegliendo alimenti di produzione biologica in tutte e 16 le categorie, avrebbero ottenuto un punteggio di massimo 32 punti.

La salute di ciascun partecipante è stata valutata ogni anno e monitorata per un periodo mediano di 4,5 anni.

Cosa hanno trovato?

I punteggi dei cibi biologici dei partecipanti variavano da 0,7 a 19,4. Questi sono stati usati per dividere il gruppo in altrettanti quartili.

Il rischio complessivo di cancro era inferiore del 25% in coloro che avevano il più alto punteggio di alimenti biologici.

I tumori che mostravano la maggiore correlazione con una riduzione del rischio erano il cancro al seno (specialmente nelle donne in postmenopausa) e i linfomi (in particolare il linfoma non-Hodgkin).

Di cosa dobbiamo tenere conto?

Le persone che scelgono prodotti coltivati ​​biologicamente tendono ad avere un reddito più elevato, livelli più alti di istruzione e diete più sane. Quindi i ricercatori si sono adeguati per questi fattori.

Hanno anche apportato aggiustamenti per altri fattori che potrebbero influenzare il risultato: età, sesso, il mese in cui i partecipanti sono stati inclusi nel programma, stato civile, attività fisica, abitudine al fumo, assunzione di alcol, storia familiare di cancro, indice di massa corporea, altezza, assunzione di energia, assunzione di fibre alimentari e carne rossa e lavorata.

Per le donne (che costituivano il 78% del gruppo di studio), hanno anche aggiustato il numero di bambini che avevano, l’uso di contraccezione orale, lo stato postmenopausale e l’uso del trattamento ormonale per la menopausa.

ph: ecosost.it

I partecipanti con un punteggio elevato di alimenti biologici avevano anche diete generalmente più sane con un maggior consumo di frutta e verdura e un minore consumo di carni rosse e lavorate. Avevano anche livelli più bassi di obesità.

Quindi i pesticidi nei prodotti convenzionali sono collegati ad alcuni tumori, come hanno ipotizzato i ricercatori? Oppure coloro che scelgono prodotti biologici rispetto agli alimenti convenzionali hanno diete migliori e stili di vita più sani?

Questa ricerca non è, e non può, dirci la risposta.

Conferma in studi futuri

Questo è il primo studio nel suo genere.

Nel 2015, l’ Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha classificato alcuni pesticidi come “probabilmente cancerogeni per l’uomo”.

Ciò significa che vi sono prove limitate di un legame tra l’uso di pesticidi e il cancro negli esseri umani, ma prove sufficienti di un legame tra l’uso di pesticidi e il cancro negli studi sperimentali sugli animali

Esistono anche prove del fatto che le persone che consumano più prodotti di coltivazione biologica hanno livelli più bassi di residui di antiparassitari nelle loro urine.

Inoltre, alcune ricerche mostrano che l’assunzione di prodotti biologici da loro segnalati può essere utilizzata per prevedere i livelli urinari dei metaboliti di alcuni pesticidi. Quindi è un’area degna di ulteriori ricerche.