Sono state invitate a Sanremo le ricercatrici italiane che hanno isolato il Coronavirus, sia per assistere alla settantesima edizione del Festival di Sanremo, sia per salire sul palco del Teatro Ariston.

Senza esitare, però, le studiose hanno declinato l’invito a Sanremo perché non hanno la minima intenzione di muoversi dal loro laboratorio. “Siamo in emergenza”, avrebbero detto per giustificare il rifiuto dell’invito al 70° Festival della Canzone Italiana. Non si è fatta attendere Marta Branca, direttore generale dell’Ospedale Spallanzani di Roma, che ha risposto all’invito così:

Mi rammarico di non avere potuto accettare il lusinghiero invito alla partecipazione del personale di ricerca dell’Istituto da me diretto a partecipare al Festival di Sanremo, ma come certo comprenderà, visti i tempi stretti e la situazione di emergenza sanitaria in cui ci troviamo non è stato purtroppo possibile organizzare la partecipazione delle nostre ricercatrici. Porgo comunque anche a nome della dottoressa Capobianchi e del suo team i più sentiti ringraziamenti per la vostra attenzione.

~Marta Branca
Direttore Generale Ospedale Spallanzani


A commentare la situazione anche Concetta Castilletti, virologa dell’Ospedale Spallanzani, con la seguente dichiarazione:

Impossibile lasciare il laboratorio in questo momento di intenso lavoro: siamo impegnate a coltivare il coronavirus e a distribuirlo ai laboratori che dovranno studiarlo. E anche nelle attività di controllo per i test che potrebbero essere necessari.

~Concetta Castilletti
Virologa Ospedale Spallanzani