fbpx
martedì, 29 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Scie chimiche: l’eterno pesce d’aprile!

Percorre i nostri cieli da più di quindici anni, la bufala delle scie chimiche sostiene che gli aerei, o almeno buona parte di questi, rilascino delle sostanze chimiche atte ad avvelenare l’aria e provocare genocidi o anche cambiamenti volontari del clima. Ancora oggi viene rilanciata su internet con la caparbia irragionevolezza dei complottisti e la complicità dei politici di mezzo mondo (chissà perché…). Ma, come tutte le bufale che si rispettino, ha una storia lunga e istruttiva.

Il padre delle scie chimiche si chiamava Richard Finke: non era uno scienziato, né un esperto di aeronautica, né aveva alcun tipo di esperienza in ambito di spionaggio; ciò che diede inizio al tutto fu il suo mettersi in società con un certo Larry Wayne Harris che aveva aperto una ditta di consulenza contro gli attacchi terroristici: la LWH Consulting. Nel 1997 i due, per farsi pubblicità, cominciarono a scrivere mail che sostenevano l’esistenza di bioattacchi terroristici (associati alle scie chimiche), più in particolare, secondo il giornalista Jay Reynolds:

Il direttore di Aqua-tech Environmental rivela oggi di aver trovato 1,2-dibromoetano (una sostanza molto tossica e cancerogena, ndr) in campioni di acqua raccolti da contadini di Maryland e Pennsylvania. La sostanza sembra essere mescolata al carburante degli aerei e dispersa costantemente nei nostri cieli. Le linee che riempiono i nostri cieli non sono scie di condensazione: vengono disperse e possono durare ore, rilasciando lentamente il flagello.

 

Purtroppo, un po’ per paura e un po’ per ignoranza, la bufala delle scie chimiche si è estesa a macchia d’olio e in poco tempo è riuscita a ricoprire spazi  anche in stazioni radio importanti per l’epoca. Volete sapere i motivi scientifici per cui questa è realmente una bufala? Continuate a seguirci e scopritelo!

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

4 COMMENTI

  1. Se non mi date la spiegazione scientifica al perché le scie chimiche sono una bufala, perché dovrei continuare a seguirvi?
    Non voglio pubblicità nella email grazie 🙂

    • Ciao Enzo, la tua non è un’email ma un commento, quindi che pubblicità ti aspetti? Come seconda cosa, questa è un’anticipazione, ovvero una storia di come è nata la bufala delle scie chimiche. Abbiamo raccolto innumerevoli dati scientifici che presto renderemo noti, poi la scelta finale è tua se leggere o meno. 🙂 Buona giornata.

  2. ok. allora spiegatemi perchè non se ne vedono tutti i giorni ma soprattutto perchè in certi casi inizia la scia a metà cielo e finisce con un taglio netto? sembra una spruzzata fatta da una bomboletta fateci caso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Gianmarco Vallettahttp://aerospace.closeupengineering.it
Frequenta la triennale di Ingegneria Aerospaziale presso l’Università degli Studi di Napoli - Federico II. Dopo la maturità ha svolto i più svariati lavori, da Discontinuo dei Vigili del Fuoco a Bagnino. Recentemente è apparso sul “Venerdì della Repubblica” ed ha aperto una rubrica radiofonica per la sua pagina Facebook "Ingegneria del Suicidio"