fbpx
venerdì, 25 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Scoperti quattro nuovi elementi: 113, 115, 117, 118

Aggiunti ufficialmente alla Tavola Periodica i quattro nuovi elementi, che vanno a occupare le caselle 113, 115, 117 e 118, completando così la settima riga. L’annuncio è stato dato dallo IUPAC (International Union of Pure and Applied Chemistry), l’ente internazionale che regolamenta nomenclatura, le terminologia e le misure della chimica. Il comunicato ufficiale risale al 30 dicembre 2015 ma la notizia sta rimbalzando tra i media ancora questa prima settimana del nuovo anno.

New Elements
I nuovi quattro elementi scoperti: 113, 115, 117, 118

I nuovi elementi sono stati isolati in Giappone, Russia e Stati Uniti nel corso di una ricerca, documentata secondo i criteri IUPAC, svolta tra il 2004 e il 2013. Sono i primi a essere aggiunti alla Tavola degli elementi dal lontano 2011, quando erano stati ufficialmente riconosciuti e aggiunti gli elementi 114 e 116. Lo IUPAC ha riconosciuto la paternità degli elementi 115, 117 118 ad un team di scienziati russi del Joint Institute for Nuclear Research, (Dubna) e al team statunitense della Lawrence Livermore National Laboratory, (California): entrambi i team hanno ottenuto “prove sufficienti” per reclamarne la scoperta.

Kosuke Morita
Kosuke Morita cordinatore del team del Riken Institute (Giappone) a cui è stato attribuito la paternità del 113° elemento.

Il 113 elemento,  anch’esso reclamato dallo stesso team Russia/Usa, è stato attribuito invece agli scienziati del Riken Institute (Giappone). Kosuke Morita, coordinatore del team di ricerca del Riken Institute, ha dichiarato che la caccia all’elemento 113 è durata ben sette anni e che il suo team sta ora pianificando “la ricerca nei territori inesplorati della tabella”: manca il 119 ed altri ancora. Per l’Asia è la prima volta: ai ricercatori a cui è riconosciuto il merito della scoperta va anche l’onore di assegnare un nome ufficiale e un simbolo ai nuovi elementi. I nomi possono richiamare elementi della mitologia o fare riferimento a un luogo oppure a un Paese, a una proprietà dell’elemento stesso o al nome di uno scienziato.

Lab
Lab

In attesa dei nuovi nomi, è stato assegnato un identificativo provvisorio (working name) ai nuovi elementi: ununtrium (Uut, elemento 113), ununpentium (Uup, elemento 115), ununseptium (Uus, elemento 117) e ununoctium (Uuo, elemento 118).

Di cosa si tratta? I quattro nuovi elementi non si trovano in natura: sono artificiali, vale a dire che possono essere prodotti solo in laboratorio. Sono stati identificati facendo collidere nuclei leggeri e tracciandone i prodotti di decadimento, ma, come tutti gli elementi superpesanti, “esistono” solo qualche frazione di secondo prima di decadere in altri elementi, ed è questo che ha reso complessa e laboriosa la loro identificazione.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Antonio Piazzolla
Giornalista e divulgatore scientifico; caporedattore di Close-Up Engineering, è una delle firme di Forbes Italia e autore su Le Stelle, la rivista di divulgazione astronomica fondata da Margherita Hack. Ha collaborato con BBC Scienze Italia, HuffPost Italia, l’Espresso, Il Messaggero e Business Insider Italia.