fbpx
venerdì, 7 Agosto, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

La sonda Solar Orbiter pronta per andare…in orbita!

Dopo aver rinviato il lancio di qualche giorno, la sonda Solar Orbiter sembra pronta a lasciare questo pianeta.

La missione ESA partirà da Cape Canaveral il 10 febbraio e provvederà per la prima volta in assoluto ad una prospettiva della nostra stezza genitrice mozzafiato.

Il programma ESA Cosmic Vision 2015-2025

La sonda Solar Orbiter fa parte di un programma a lungo termine, per l’appunto ESA Cosmic Vision 2015-2025, in cui di solito si prevedono una o una serie di missioni spaziali che verranno effettuate in almeno una decade.

L’obiettivo di una tale organizzazione è sfruttare le tecnologie sempre più avanzate che, anno dopo anno, emergono dallo scenario scientifico. Un caso è quello della sonda Huygens che, grazie alla navicella madre Cassini, riuscì a scendere sulla luna Titano e ad inviare informazioni sulla Terra uniche nel loro genere.

La missione di Solar Orbiter

La missione otterà un importante primato: si troverà in un’orbita più interna a quella di Mercurio a soli 42 milioni di chilometri dal sole; meno di mezza unità astronomica!

La ragione è quella di abbattere ogni frontiera e scrutare zone della nostra stella ancora inesplorate, come ad esempio quelle polari. Per tale motivo, sarà necessario non solo avvicinare Solar Orbiter quanto più possibile ma anche immetterla in un’orbita piuttosto inclinata.

E se tra di voi c’è qualcuno che ne sa qualcosa in merito alle manovre orbitali, capira che portare a termine questa compito sarà molto oneroso: i designer della missione hanno progettato diversi fly-by di Terra e Venere per sfruttare l’aumento di energia ed effettuare un cambio di piano tra le orbite.

Troppo difficile? Proviamo ad aiutarvi con un video:

Traiettoria del Solar Orbiter

Aggiornamento sulla missione Solar Orbiter: il lancio della missione da Cape Canaveral è stato rimandato al 10 febbraio, e partirà alle 5:03 ora italiana, a causa della previsione di tempo avverso per la data dell’8 febbraio. La finestra di lancio ottimale per questa missione si estende fino al 23 febbraio: dopo questa data – se non si riuscisse a partire – il periodo ottimale successivo in quanto a distanze da Sole e Venere sarà il prossimo ottobre.Intanto possiamo goderci questa animazione della traiettoria che compirà la sonda intorno al Sole, che evidenzia l’ampio uso della gravità di Venere e Terra per modificare l’inclinazione delle orbite – in particolare Venere permetterà di inclinare l’orbita da 0º (ora) a 17º nell’incontro del 2025, fino a 33º previsti in caso di estensione della missione, portando la sonda ad osservare meglio una porzione più ampia dei poli solari.Per ora il Solar Orbiter sarà in modalità crociera fino almeno a novembre 2021, ed avrà il primo incontro ravvicinato con il Sole nel 2022, arrivando circa ad un terzo della distanza Terra-Sole.Credit: ESA/ATG medialab[Giulia]#SolarOrbiter #WeAreAllSolarOrbiters #Link2SolarOrbiter

Pubblicato da Link2Universe su Sabato 1 febbraio 2020
Video tratto dalla pagina Facebook Link2Universe

La missione sarà in ogni caso operativa tra due anni, in cui Solar Orbiter avrà raggiunto finalmente il Sole.

Che caratteristiche ha Solar Orbiter?

La sonda sarà dotata di dieci strumenti che osserveranno le caratteristiche conosciute del Sole e ne analizzaranno l’attività dei venti e del campo magnetico.

solar orbiter
Overview della missione di Solar Orbiter.
Crediti: ESA

La missione è stata progettata per una durata di 7 anni e tra gli obiettivi scientifici principali vi è lo studio delle particelle solari emesse che, in quella zona, saranno ancora incontaminate da qualunque “interferenza planetaria”.

Per un incontro così ravvicinato, ovviamente, ogni singola parte del Solar Orbiter è stata dotata di particolari scudi termici che, auspicabilmente, proteggeranno la strumentazione dalle altissime temperature.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Matilde Italianohttps://sciencecue.it
Studentessa di Ingegneria Aerospaziale con forte inclinazione all’ambito spaziale e astronautico. Hobby preferito: astronomia e astrofotografia. Sono una persona molto curiosa, amo leggere e conoscere. Scienza, tecnologia, medicina, ingegneria sono le discipline che mi attraggono di più.