fbpx
martedì, 20 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Grande Barriera Corallina: è un deserto bianco. I danni sono irreversibili?

La Grande Barriera Corallina australiana ci sta lasciando, in 25 anni oltre il 50% dei coralli è sbiancato, possiamo ancora salvare il reef?

Negli ultimi 25 anni è stata documentata la morte di oltre il 50% dei coralli della Grande Barriera Corallina australiana. Recentissimo lo studio della Royal Society, pubblicato sulla rivista Proceedings, che testimonia quanto questo delicato ecosistema marino stia accumulando danni irreversibili derivanti da antropizzazione e cambiamenti climatici correlati. Lo studio riporta numeri e dati qualitativi dei principali sbiancamenti avvenuti negli ultimi anni, confrontandoli con una linea di base storica del 1995-1996. I risultati, riassumendo, restituiscono un calo sia per quanto riguarda la diversificazione delle colonie che il loro numero. Le perdite fanno riferimento sia alla cresta del reef che ai versanti ed ai pendii, ad eccezione di un piccolo settore dell’estremo sud.

Greenpeace, tragico il bilancio della situazione

Reef prima e dopo, danni da sbiancamento, coralli morti
Grande Barriera Corallina australiana prima (a destra) e dopo (a sinistra) Credits: Deejay

Emblematici anche gli scatti del biologo e fotografo marino Brett Monroe Garner, per Greenpeace. Lo studioso, che per anni ha fotografato la stessa area della Grande Barriera Cotallina australiana, si dice sconcerto difronte alla situazione odierna. Nel documentario, circa il 100% dei coralli di quel settore appare totalmente sbiancato -e già aggredito dalle alghe esterne- probabilmente il maniera irreversibile.

Grande Barriera Corallina
Distesa di coralli sbiancati, probabilmente già morti, nella Grande Barriera Corallina, Australia.
Credits: Greenpeace Australia, Brett Monroe Garner

Già nel 2016 e nel 2017 sono stati registrati due inquietanti sbiancamenti della Grande Barriera Corallina, ma quello osservato attualmente appare senz’altro come il più tragico ed esteso. Purtroppo il fenomeno si è infatti aggravato negli anni, andando a colpire zone dove prima i coralli erano reputati sani. In particolare, i danni arrivano a toccare anche gli estremi del reef, da nord a sud, senza eccezioni degne di nota.

James Cook University, sorvolare il reef per salvarlo

Grande Barriera Corallina australiana
Grande Barriera Corallina australiana, vista aerea.
Credits: Phil Walter/Getty Images

Il grido d’aiuto lanciato da Greenpeace chiaramente non è il solo. La James Cook University, centro di eccellenza per gli studi sulla Grande Barriera Corallina, ha condotto mesi di ricerche in proposito. In un solo anno, sorvolando intensamente porzioni estese del reef, i ricercatori hanno stimato numeri davvero preoccupanti riguardo la gravità dello sbiancamento. La ricerca ha messo in risalto come un quarto della Grande Barriera Corallina sia oramai sbiancato del tutto, e che il fenomeno si acutizza soprattutto nei dintorni delle coste, ovvero le aree più contaminate dall’uomo.

Perché i coralli della Grande Barriera Corallina sbiancano?

Il corallo, organismo formato da una colonia di polipi nella loro fase calcarea, è conosciuto ai più per il fantastico plateau di colori che può assumere. Queste pigmentazioni, sono causate dalle zooxanthellae, minuscole alghe unicellulari che alloggiano nei tessuti del corallo, a volte anche bioluminescenti.

Ramo di corallo morto
Ramo di madrepora. Macrofotografia di un ramo calcareo “morto” (disseccato) di una madrepora (Acropora sp.), tipico corallo biocostruttore, in cui si possono osservare gli alloggiamenti dei polipi della colonia (il ramo ha un diametro massimo di circa 20mm). Esemplare proveniente da Hembadoo Island, Maldive.
Credits: paleoantropo.net

In caso di forte stress ambientale, questo fantastico organismo risponde decolorandosi, dunque espellendo le zooxanthellae. Il problema risiede nel fatto che queste piccole alghe procurano al corallo il 90% delle risorse energetiche di cui esso necessita per vivere. Un esempio di stress che porta allo sbiancamento del corallo, è l’innalzamento delle temperature delle acque. Se questi sbalzi non perdurano, il corallo può riprendersi, ma se le temperature si mantengono più elevate del normale per troppo tempo, il corallo sbiancato e privato delle sue alghe muore “di stenti”.

Grande Barriera Corallina, coralli in salute
Coralli in salute, Grande Barriera Corallina australiana.
Credits: Irina Markova / Shutterstock

Il dibattito che imperversa nel campo del riscaldamento globale è sempre piuttosto acceso. Tuttavia, che sia questo fisiologico o meno, la Grande Barriera Corallina, così come altri ecosistemi marini e non, non sopravviverà a lungo a queste condizioni.

CUE FACT CHECKING

CueEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su sciencecue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Naomi Guadagninihttps://sciencecue.it
Nata e cresciuta a Bologna, studentessa di Ingegneria Chimica e Biochimica. Appassionata di chimica, medicina applicata, biomeccanica, e ingegneria dei materiali. I miei studi si concentrano sull'applicazione e la fusione di queste materie, per lo sviluppo di nuove tecnologie in diversi settori, principalmente nell'automotive.