fbpx

Home » Sono state trovate prove di resistenza agli antibiotici nella pancia dei lemuri

Sono state trovate prove di resistenza agli antibiotici nella pancia dei lemuri

Maggiore è l'interazione che hanno avuto con gli esseri umani, maggiore è la proporzione di batteri resistenti.

Categorie Biologia

La resistenza agli antibiotici, una delle principali minacce di salute pubblica al mondo, è stata trovata nel microbioma della pancia dei lemuri, nostri lontani cugini, primati endemici del Madagascar. In un nuovo studio apparso il 9 agosto sulla rivista Frontiers in Ecology and Evolution, i ricercatori della Duke University hanno trovato prove di resistenza agli antibiotici nel microbioma dei lemuri che vivono vicino agli umani. E più stretto è il contatto, maggiore è la resistenza agli antibiotici riscontrata.

Il team di ricerca, costituito dalla studentessa laureata Sally Bornbusch e Christine Drea, professoressa di antropologia evolutiva alla Duke University, ha campionato lo sterco dei lemuri dalla coda ad anelli, lemure di dimensioni relativamente grandi, appartenente alla famiglia dei Lemuridae, e ha sequenziato i geni di tutti i microbi trovati lì, alla ricerca di marcatori genetici di resistenza agli antibiotici. Lo studio ha confrontato 10 popolazioni di lemuri: sette popolazioni selvatiche in Madagascar, due provenienti da strutture di ricerca, il Lemur Rescue Center in Madagascar e il Duke Lemur Center negli Stati Uniti, e infine, un gruppo di lemuri tenuti come animali domestici in Madagascar.

La resistenza agli antibiotici cresce all’aumentare della vicinanza con l’uomo

Sono state trovate prove di resistenza agli antibiotici nella pancia dei lemuri

Negli animali selvatici, la proporzione media di geni di resistenza nei microbiomi intestinali era vicina allo zero. Ma negli animali provenienti da strutture di ricerca, quella proporzione era più di 25 volte maggiore rispetto ai lemuri selvatici. Nei lemuri domestici, la proporzione era quasi 35 volte maggiore.

In parte, è probabilmente dovuto a una buona assistenza veterinaria: i lemuri che vivono nelle strutture di ricerca vengono trattati per le infezioni quando necessario e quindi hanno una maggiore esposizione diretta agli antibiotici rispetto ai loro cugini selvatici. Tuttavia, i lemuri domestici che probabilmente non riceveranno mai cure veterinarie, ospitavano la più alta abbondanza di geni di resistenza agli antibiotici.

Infatti, tenere un lemure come animale domestico è illegale in Madagascar. Quindi è improbabile che coloro che allevano i lemuri portino questi animali da un veterinario e rischino di affrontare conseguenze legali. Pertanto, questi lemuri domestici stanno acquisendo i microbi resistenti agli antibiotici semplicemente condividendo il loro ambiente con umani e altri animali domestici.

I microbi sono ovunque

I lemuri dalla coda ad anelli sono principalmente frugivori ma non disdegnano foglie, semi di alcune piante e, ogni tanto, qualche insetto. In un ambiente domestico, sono spesso in costante contatto con gli esseri umani, appollaiati sulle spalle del loro proprietario o tra le braccia di turisti disposti a pagare per una foto, una pratica dannosa sia per l’uomo sia per gli stessi animali.

Bornbusch ha affermato che questo ambiente fisico e sociale apparentemente contribuisce alla resistenza agli antibiotici dei lemuri domestici. “I microbi sono come una coperta che si stende sopra a tutto. Non sono solo nelle nostre viscere, ma anche sulla nostra pelle, sui nostri mobili, nel nostro cibo e nell’acqua”, ha detto Bornbusch. “Sono ovunque, sempre, e si trasmettono facilmente da un ambiente all’altro“.

Differenti tipi di resistenza agli antibiotici a seconda dell’area geografica

Sono state trovate prove di resistenza agli antibiotici nella pancia dei lemuri

Tra i lemuri selvatici, la resistenza agli antibiotici variava secondo un gradiente di attività umana. Gli animali provenienti da aree interessate dal pascolo del bestiame, dall’agricoltura o dal turismo ospitavano più microbi resistenti agli antibiotici rispetto a quelli provenienti da ambienti più incontaminati, ma molti meno dei lemuri che vivono nelle immediate vicinanze dell’uomo.

“Il trattamento antibiotico non è chiaramente l’unico meccanismo che porta a una maggiore abbondanza di geni di resistenza in questi animali”, ha detto Bornbusch. In effetti, anche tra i lemuri ospitati nelle strutture di ricerca, quelli senza precedenti trattamenti antibiotici ospitavano un numero di geni di resistenza agli antibiotici simile a quello dei lemuri della stessa struttura che erano stati trattati molte volte per le infezioni.

La vicinanza all’uomo ha anche determinato il tipo di geni di resistenza acquisiti. I microbiomi dei lemuri dalla coda ad anelli del Madagascar hanno mostrato segni di resistenza agli antibiotici usati per combattere le epidemie di peste, mentre i lemuri degli Stati Uniti hanno mostrato resistenza agli antibiotici frequentemente prescritti in Nord America.

Sono risultati preoccupanti ma potrebbero avere anche un impatto positivo

I geni della resistenza agli antibiotici non sono una novità. In uno scenario naturale, questo processo raramente pone problemi. Ma le cose hanno iniziato ad andare storte quando gli umani hanno sfruttato il potere degli antibiotici naturali e hanno rilasciato al pubblico antibiotici artificiali. “Gli esseri umani sono arrivati, hanno sviluppato antibiotici, li hanno diffusi intorno a noi e hanno propagato questi geni di resistenza negli ambienti naturali e nei microbiomi della fauna selvatica“, ha detto Bornbusch.

Sebbene siano preoccupanti, questi risultati possono avere un impatto positivo sulle pratiche di conservazione e gestione della fauna selvatica. “Anche se questi risultati sono leggermente spaventosi, ci aiutano a usare la scienza del microbioma per affinare le pratiche veterinarie e le attività di conservazione“, ha detto Bornbusch. Ha anche affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio l’impatto di questi geni di resistenza sulla fauna selvatica.

“In questo momento, sappiamo che questi geni di resistenza sono là fuori, ma non sappiamo se sono veramente dannosi per i lemuri”, ha detto Bornbusch. “Questi risultati ci forniscono un trampolino di lancio per la ricerca sull’impatto di questi microbi resistenti sulla fauna selvatica e sul loro ambiente”.