fbpx
martedì, 29 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Una ricerca veronese contro il melanoma

Da molto tempo il melanoma maligno (MM) è stato considerato un cancro raro. Tuttavia, negli ultimi anni l’incidenza di MM è aumentata considerevolmente a causa dello stile di vita e dei cambiamenti ambientali. A livello mondiale, si stima che nell’ultimo decennio il melanoma cutaneo abbia raggiunto i 100 mila nuovi casi l’anno: un aumento di circa il 15% rispetto al decennio precedente.

Una corretta diagnosi delle lesioni cutanee e un intervento chirurgico rappresentano un ottimo approccio terapeutico ma, se non si agisce tempestivamente, le cellule tumorali sfuggono ai sistemi di controllo, invadendo i tessuti e penetrando nei vasi sanguigni.

Il team dei ricercatori Veronesi

Recentemente però, uno studio condotto dall’Università di Verona e diretto da Maria Teresa Valenti, biologa del dipartimento di Medicina, ha portato alla scoperta di nuovi geni coinvolti nella progressione del melanoma. I ricercatori hanno quindi individuato alcune molecole la cui alterazione contribuisce alla trasformazione tumorale.

 

La ricerca

Dopo aver trattato le cellule con Acido Ascorbico a concentrazioni di 500 e 1000 μM, è stata osservata una riduzione significativa (a destra) della vitalità cellulare per entrambe le cellule (A375 e MeWo)

Il team veronese ha studiato i livelli di espressione genica di determinate proteine e l’abilità migratoria in diverse cellule di melanoma, con un trattamento a base di acido ascorbico, ovvero un composto organico presente in natura con proprietà antiossidanti e noto per inibire la crescita del cancro ad alte concentrazioni.

I dati hanno mostrato una riduzione significativa della vitalità cellulare nelle cellule trattate con alte concentrazioni di acido ascorbico, ovvero 500 e 1000 μM. Successivamente, hanno analizzato il complesso di proteine della cellula prima e dopo il trattamento di 500 μM di acido per 48 ore. I risultai hanno dimostrato che il composto organico è in grado di inibire la crescita del cancro.

Una speranza per il futuro

Un approccio integrato che coinvolga l’analisi dell’espressione genica e la bioinformatica può essere impiegato in modo efficace per scoprire quali geni sono responsabili della neoplasia, dell’aumento della capacità di migrazione cellulare e dell’invasione dei tessuti.

In seguito alla ricerca i geni NMP1, PTGS3, PARK7 risultano essere i principali colpevoli della crescita del melanoma. Mentre la proteina SSBP1, che ha un ruolo protettivo per il gene Tp53, si è rivelata un oncosoppressore.

La ricerca potrà aprire nuovi orizzonti a una terapia finalizzata a migliorare la prognosi nel melanoma in quanto le molecole sopra descritte, in particolare SSBP1 e PARK7, possono essere considerate come bersaglio per la progettazione di farmaci specifici o come strumenti molecolari per la diagnosi nel melanoma.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Milena Amiconihttp://science.closeupengineering.it
Studente di "Scienze e tecnologie chimiche" presso l' "Università degli Studi di Milano-Bicocca".