fbpx
mercoledì, 30 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

“Il vaccino salva la vita”, intervista al prof. Roberto Burioni

“I vaccini causano l’autismo e contengono sostanze nocive per la salute e pericolose per il sistema immunitario. Chi non si vaccina si ammala molto meno rispetto a chi si è vaccinato”. Queste sono solo alcune delle bufale più diffuse sui vaccini: bufale si, perché non esiste alcun legame causale tra vaccini e autismo. Chi lo dice? La scienza, diremmo generalmente, ma se vogliamo essere precisi e più rassicuranti nei confronti dei lettori, abbiamo il dovere di dire che lo ha stabilito l’Organizzazione Mondiale della Sanità da ben 12 anni a questa parte e non solo; lo hanno ribadito di seguito tutte le ricerche, analisi e meta-analisi effettuate negli anni successivi.

Burioni
Roberto Burioni, credits: laretedellemamme.it

“Questo però non basta a rassicurare le numerose mamme che, diffidenti, non vaccinano esponendo non solo i propri figli a malattie pericolose ma anche l’intera comunità: una società non vaccinata è una società debole, facilmente debellabile dai virus. La scienza ha dimostrato che i vaccini sono sicuri, sono efficaci, sono utili, rinforzano il sistema immunitario, rendono la comunità più forte, non causano l’autismo o altre malattie e non sono un complotto delle multinazionali del farmaco. Questi sono i fatti. Il resto è un’opinione” – ne parliamo con Roberto Burioni, medico e professore ordinario di microbiologia e virologia all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano che di recente ha pubblicato il libro “Il vaccino non è un’opinione: le vaccinazioni spiegate a chi proprio non le vuole capire”, edito da Mondadori.

Fra le tante opinioni infondate sui vaccini ne troviamo due esemplari:

– Sui foglietti illustrativi dei vaccini c’è scritto ‘causano autismo’:

Nulla di più falso. I foglietti illustrativi sono disponibili pubblicamente sul sito dell’AIFA e non c’è scritto nulla di neanche lontanamente simile.

– I vaccini contengono particelle metalliche dannose come il mercurio:

Chi ha affermato questo, dopo aver effettuato alcuni “studi” non ha pubblicato alcuna prova scientifica a carico: non è presente alcuna pubblicazione sull’argomento. Il mercurio era utilizzato in passato come conservante, un valido esempio sono i liquidi delle lenti a contatto. È stato dimostrato essere innocuo, ma è stato eliminato da una quindicina d’anni per lo stesso motivo per cui non c’è nelle lenti a contatto: se uso le lenti a contatto “usa e getta” non ho bisogno del conservante. I vaccini, analogamente, sono tutti monodose e quindi il mercurio non c’è più.

Lasciare la parola al “medico-papà” che, nel suo libro, smaschera bufale e pregiudizi legati al mondo della vaccinazione.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Antonio Piazzolla
Giornalista e divulgatore scientifico; caporedattore di Close-Up Engineering, è una delle firme di Forbes Italia e autore su Le Stelle, la rivista di divulgazione astronomica fondata da Margherita Hack. Ha collaborato con BBC Scienze Italia, HuffPost Italia, l’Espresso, Il Messaggero e Business Insider Italia.