fbpx
lunedì, 28 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Velocità di automobili e computer: e se avessero avuto la stessa crescita?

Nel 1965 Gordon Moore, che divenne poi il fondatore di Intel, teorizzò che la potenza di calcolo dei processori sarebbe cresciuta negli anni successivi in modo prevedibile: in particolare, il numero di transistor presenti nei processori sarebbe raddoppiato ogni dodici mesi circa.

E un’automobile? Che velocità avrebbe avuto oggi?

E’ piuttosto difficile descrivere in modo intuitivo quanto i computer siano diventati veloci nel tempo. Un’analogia automobilistica potrebbe aiutare a comprendere la crescita esponenziale della velocità dei computer in corso da vari decenni.

Nel 1951 uno dei computer più veloci era l’UNIVAC, che eseguiva 2000 operazioni al secondo, mentre una delle automobili più veloci era l’Alfa Romeo 6C, che viaggiava a 180 chilometri orari.

Sia i computer che le automobili hanno migliorato le loro prestazioni dal 1951, ma se queste ultime avessero seguito la medesima, impetuosa crescita esponenziale dei computer, una odierna Alfa Romeo viaggerebbe a otto milioni di volte la velocità della luce.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Vincenzo Giordanohttp://vincenzo-giordano.blogspot.it
Nato nel 1971 e residente a Bari, è professore a contratto presso il Politecnico di Bari e professore di ruolo di Matematica presso il Liceo Scientifico Statale "E. Fermi" di Bari.