Quattro anni dopo il tragico test in cui la VSS Enterprise andò in frantumi e perse la vita il co-pilota Michael Alsbury, la Virgin Galactic torna alla ribalta annunciando di aver concluso con successo il flight-test del velivolo SpaceShipTwo “VSS Unity”: “Lo spazio ora sembra irresistibilmente vicino” – ha commentato Richard Branson su Twitter.

Guarda il video del flight-test

La navicella VSS Unity decolla in un modo del tutto affascinante e inusuale: direttamente in quota, separandosi ad oltre 14.000 metri dal “White Knight Two“, un aereo più grande: la VSS Unity ha acceso per la prima volta i motori e si è sganciata, puntando verso l’alto con un angolo di 80 gradi e raggiungendo una velocità Mach 1.87.

VSS Unity
VSS Unity, crediti: twitter.com/richardbranson

Raggiunti poi i 25mila di quota, la navetta ha spento i motori e con una parabola ha avviato l’atterraggio verso il deserto californiano del Mojave: il prossimo obiettivo sarà poi quello di portare i turisti nello spazio al costo di 250mila dollari per biglietto.