E’ notizia che ci riempie di orgoglio quella del Coronavirus isolato all’Ospedale Spallanzani di Roma, news che giunge a pochi giorni da un’altra grande notizia, quella che vede protagonista Domenico Benvenuto, lo studente al sesto anno al Campus Biomedico di Roma che ha individuato il Dna del Coronavirus.

Da Pechino intanto, le autorità ci tengono a diffondere un messaggio, quello che dal Coronavirus nCoV si può guarire, messaggio che emerge dai dati delle autorità sanitarie cinesi per tranquillizzare l’opinione pubblica: se è vero che c’è stato un record di vittime in un solo giorno è altrettanto vero che c’è stato il record di pazienti guariti dal coronavirus in appena 24 ore.

Cina, 72 persone guarite in 24 ore

Secondo i report delle autorità sanitarie di Wuhan infatti, in un solo giorno sono state dimesse 72 persone dagli ospedali della zona e, complessivamente, sono 243 le persone che hanno superato la malattia e che sono tornate a casa dopo il ricovero.

Nel paese del Dragone il numero di pazienti in gravi condizioni è salito a 1.795; il governo punta su chi è guarito e ogni giorno infatti la stampa locale pubblica immagini di pazienti alle porte degli ospedali, mentre vengono dimessi e salutano infermieri e medici: ricordiamo che la malattia che ha un alto tasso di contagio, ma una bassa mortalità (2,2-2,3%). Nello stesso tempo però, il numero di decessi è salito a 259 e nelle ultime 24 ore i decessi registrati sono 46, mentre i casi di contagio stimati sarebbero quasi 12.000.

Il primo caso di guarigione da Coronavirus risale allo scorso 25 gennaio quando, dopo sei giorni di trattamento, la paziente, una donna di 56 anni identificata solo come Chen, ha mostrato un significativo miglioramento dei suoi sintomi respiratori: due esami del sangue indipendenti per il coronavirus erano negativi, così come le scansioni TC polmonari.

La redazione di Close-up Engineering continua a seguire la vicenda tenendovi aggiornati.

Foto di Gao Xiang per chinadaily.com.cn