fbpx
domenica, 9 Agosto, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Coronavirus, è pandemia: l’annuncio dell’OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ufficialmente dichiarato la pandemia da Covid-19. Lo stesso giorno in cui è giunta la notizia del richiesto protocollo per il farmaco testato a Napoli.

L’annuncio è arrivato dal direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus: Pandemia non è una parola da usare con leggerezza o negligenza. È una parola che, se usata in modo improprio, può causare paura irragionevole o accettazione ingiustificata che la lotta è finita, portando a sofferenze e morte inutili. Descrivere la situazione come una pandemia non cambia la valutazione dell’Oms sulla minaccia rappresentata da questo Coronavirus. Non cambia ciò che l’Oms sta facendo, e non cambia ciò che i paesi dovrebbero fare”.

Adesso è pandemia: cosa cambia?

Riprendendo il concetto espresso da Ghebreyesus, se prima l’obiettivo principale è quello di contenere il virus ed evitare il più possibile il contagio, quando si ritiene che il patogeno non possa essere più fermato si dichiara la pandemia: l’obiettivo quindi è fare tutto il possibile per ridurre al minimo l’impatto sui sistemi sanitari.

Nei prossimi mesi ci aspettiamo di vedere i numeri di casi, di morti e il numero di paesi affetti salire ancora di più. L’Oms è molto preoccupata dal livello allarmante di diffusione del virus e dal livello allarmante di inazione. Nelle ultime 2 settimane il numero dei paesi fuori dalla Cina che sono stati colpiti dal coronavirus è triplicato, oltre 118mila casi in 114 paesi, e 4.291 persone hanno perso la loro vita. Siamo incoraggiati dalle misure aggressive adottate dall’Italia, speriamo che abbiano effetti nei prossimi giorni”

– ha dichiarato il direttore generale dell’OMS.

La situazione in Italia

“I casi positivi sono 7280 (+1489 rispetto a ieri). Di questi i ricoverati sono 3852 (500 in più al giorno circa) e 560 sono in terapia intensiva. Il dato è in crescita costante non esponenziale. Il 38% delle persone in terapia intensiva ha tra 65 e 74 anni, il 20% + di 75 anni, il 32% tra 50 e 64 anni, il 9% tra 25 e 49 anni”

– ha spiegato Giulio Gallera, l’assessore al Welfare della Lombardia, che ha reso noto i numeri giornalieri dell’emergenza Coronavirus nella regione.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Antonio Piazzolla
Giornalista e divulgatore scientifico; caporedattore di Close-Up Engineering, è una delle firme di Forbes Italia e autore su Le Stelle, la rivista di divulgazione astronomica fondata da Margherita Hack. Ha collaborato con BBC Scienze Italia, HuffPost Italia, l’Espresso, Il Messaggero e Business Insider Italia.