fbpx

Home » La sequenza genetica del Coronavirus è stata individuata due settimane prima della notifica ufficiale del governo cinese

La sequenza genetica del Coronavirus è stata individuata due settimane prima della notifica ufficiale del governo cinese

Recenti documenti mostrano che la sequenza genetica del coronavirus SARS-CoV-2 è stata inviata a un database degli Stati Uniti due settimane prima della sua divulgazione ufficiale dalla Cina, sollevando interrogativi sulla gestione e trasparenza delle informazioni durante l'emergenza COVID-19. Questo ritardo nella condivisione dei dati potrebbe aver influenzato significativamente lo sviluppo tempestivo dei vaccini.

Categorie Covid-19
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

La pandemia di COVID-19, causata dal Coronavirus SARS-CoV-2, ha segnato un momento cruciale nella storia sanitaria mondiale. Recenti rivelazioni indicano che la sequenza genetica di questo virus era stata inviata a un database degli Stati Uniti ben due settimane prima che il governo cinese ne facesse una divulgazione ufficiale. Questa notizia, svelata in documenti condivisi con i legislatori statunitensi, solleva interrogativi significativi sulla gestione e sulla trasparenza delle informazioni in una crisi sanitaria globale.

La Sequenza Genetica del Coronavirus e le Sue Implicazioni

Il 28 dicembre 2019, la virologa Dr.ssa Lili Ren dell’Istituto di Biologia dei Patogeni presso la Chinese Academy of Medical Sciences & Peking Union Medical College aveva inviato la sequenza genetica a GenBank, un repository di sequenze genetiche gestito dal National Center for Biotechnology Information, parte dei National Institutes of Health degli Stati Uniti. Tuttavia, questa sequenza non era stata resa pubblica su GenBank a causa di informazioni mancanti nella presentazione iniziale.

Le Consegneze di un’Informazione Ritardata sul Coronavirus

coronavirus

La scoperta ritardata di questa presentazione sottolinea l’importanza della condivisione rapida dei dati durante le epidemie. Una divulgazione tempestiva avrebbe potuto accelerare di settimane lo sviluppo dei vaccini COVID-19, salvando migliaia di vite. Ad esempio, la Moderna ha utilizzato la sequenza della proteina spike, pubblicata il 12 gennaio, per progettare il suo vaccino COVID-19 in soli due giorni. La divulgazione anticipata di queste informazioni avrebbe potuto avere un impatto significativo sull’andamento della pandemia.

Contestualizzazione e Riflessioni Future

È importante considerare questi documenti nel contesto dell’epoca. Alla fine del 2019, non era chiaro che un nuovo coronavirus, solo lontanamente imparentato con il SARS-CoV-1, stesse causando malattie misteriose a Wuhan, che in seguito avrebbero scatenato una pandemia devastante. Il Dr. Kristian Andersen, biologo evolutivo e direttore della genomica delle malattie infettive presso l’Institute, sottolinea che, sebbene la pubblicazione della sequenza come dati preliminari sarebbe stata utile, all’epoca non era possibile collegare questa sequenza alle malattie misteriose di Wuhan.

Questo sviluppo solleva domande cruciali sulla prontezza e la trasparenza nelle crisi sanitarie globali. Mentre guardiamo al futuro, questi apprendimenti possono aiutarci a migliorare le pratiche di biosicurezza e prepararci meglio per le prossime pandemie. La storia di questa pandemia continua a evolversi, e ogni nuova scoperta ci offre l’opportunità di apprendere e adattarci per proteggere meglio la salute globale.