fbpx

Home » Tre grandi vulcani sottomarini scoperti nel Canale di Sicilia

Tre grandi vulcani sottomarini scoperti nel Canale di Sicilia

La scoperta di tre vulcani sottomarini e di un relitto nel Canale di Sicilia rivelano ancora una volta l'immensa complessità del Mediterraneo

Categorie Geologia
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Una recente spedizione scientifica internazionale ha portato alla scoperta di tre imponenti vulcani sottomarini nel Canale di Sicilia. Durante la spedizione, è emerso anche un enigma dal passato: il relitto di una nave. Questi nuovi ritrovamenti svelano quanto poco conosciamo ancora dei fondali marini e rivelano un intricato paesaggio geologico e archeologico che merita attenzione.

La spedizione nel Canale di Sicilia

I segreti del mar Mediterraneo si svelano lentamente, come dimostra una recente spedizione scientifica condotta da un team internazionale di esperti. Il coordinamento della spedizione è stato gestito dall’Università di Malta e dall’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS) di Trieste. La spedizione ha avuto luogo a bordo della nave tedesca METEOR dal 16 luglio al 5 agosto. Utilizzando tecnologie avanzate come l’ecoscandaglio Multibeam, i ricercatori hanno gettato nuova luce sulla morfologia del fondale marino, rivelando dettagli sorprendenti e complessi. La presenza di strutture vulcaniche sottomarine, fino ad ora sconosciute, solleva domande affascinanti sulla storia geologica della regione. Grazie alle nuove scoperte, sarà possibile scoprire di più sulla dinamica che ha portato alla formazione di questi imponenti coni.

Inoltre, un magnetometro ha identificato le anomalie legate alle strutture vulcaniche sottomarine. Gli esperti hanno utilizzato un sistema di sismica ad alta risoluzione per studiare le caratteristiche geologiche delle prime decine di metri al di sotto del fondale. Durante la ricerca, i campioni di roccia, tra cui lave e depositi piroclastici, sono stati sottoposti ad accurate analisi. Questi campioni saranno analizzati nei prossimi mesi per determinare l’età dei vulcani e le caratteristiche del magma che li alimenta. Lo studio sarà fondamentale per fornire preziose informazioni sulla storia geologica siciliana.

Credit: OGS

La scoperta dei vulcani sottomarini

Il mar Mediterraneo, una culla di civiltà e uno dei luoghi più attraversati dalla navigazione umana nella storia, si rivela ancora una volta come un serbatoio di meraviglie sconosciute. La recente spedizione scientifica, nota come M191 SUAVE, ha svelato ancora una volta la complessità di questo mare. Durante la spedizione a mordo della nave tedesca METEOR, i ricercatori hanno esplorato le profondità del Canale di Sicilia, rivelando la presenza di tre grandi vulcani sottomarini. I vulcani appena scoperti non passano certo inosservati. Con una larghezza di almeno sei chilometri e un’altitudine che si innalza per oltre centocinquanta metri dal fondale marino, questi coni vulcanici dominano il paesaggio sottomarino circostante. Le dimensioni imponenti sono un chiaro segnale dell’intensa attività geologica che ha avuto luogo nel corso dei millenni sotto l’acqua.

Ma le sorprese non finiscono qui. Oltre ai vulcani, la spedizione ha svelato un enigma dalla profondità del mare: il relitto di una nave. Situato fra l’isola di Linosa e le coste siciliane, il relitto giace ad una profondità di centodieci metri sul Banco Senza Nome. Con una lunghezza di cento metri e una larghezza di diciassette, questo relitto rappresenta una finestra nel passato, un pezzo di storia che attende di essere decifrato. La scoperta sottolinea ancora una volta quanto poco conosciamo dei fondali marini, nonostante le innumerevoli imbarcazioni che hanno solcato il Mediterraneo per millenni.

vulcani sottomarini
Credit: OGS

I vulcani sottomarini nel mar Mediterraneo

La recente scoperta dei tre vulcani sottomarini non è un caso isolato. Queste strutture geologiche nascoste, mettono in luce da sempre la complessità e la dinamicità del fondale marino. L’area del Canale di Sicilia, in particolare, ha dimostrato di essere un terreno fertile per tali scoperte. Già nel 2019, nell’area tra Mazara del Vallo e Sciacca, gli esperti hanno individuato una serie di coni vulcanici, indizio della presenza di un sistema vulcanico attivo e in continua evoluzione.

Questi vulcani sottomarini non sono solo una testimonianza di attività geologica, ma sono anche il cuore di ecosistemi unici. Le sorgenti idrotermali associate a queste strutture geologiche creano ambienti che ospitano una varietà di forme di vita marina. Batteri, organismi microscopici e addirittura forme di vita più complesse prosperano in queste condizioni uniche. Gli strati di roccia e i materiali piroclastici raccolti durante le spedizioni forniscono indizi sulle eruzioni passate e sulle dinamiche geologiche che hanno dato forma al paesaggio. Questi dati permetteranno agli scienziati di tracciare il passaggio del tempo e di capire come il Mediterraneo sia stato modellato dalle forze della natura.