fbpx
mercoledì, 30 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Coronavirus, cessione gratuita per il farmaco antiartrite

È di qualche giorno fa la notizia della sperimentazione, su due pazienti affetti da coronavirus ricoverati al “Cotugno” di Napoli, di un farmaco usato per l’artrite reumatoide, il tocilizumab.

I miglioramenti riscontrati hanno dimostrato l’efficacia del farmaco contro la polmonite da Covid-19, tanto che ora i medici chiedono un protocollo nazionale affinché possa essere utilizzato su pazienti gravi ricoverati in altri ospedali d’Italia.

Cessione gratuita da parte di Roche

In un momento di grande difficoltà mondiale – lo testimonia anche il fatto che l’OMS abbia dichiarato la pandemia da coronavirus – ma anche di grande difficoltà per il nostro Paese, secondo Stato al mondo per numero di casi confermati*, la multinazionale farmaceutica Roche ha deciso di cedere gratuitamente il proprio farmaco antiartrite agli ospedali italiani.

In un comunicato pubblicato sul sito, il Presidente e Amministratore delegato di Roche Farma Maurizio de Cicco, portavoce anche dei colleghi di Roche Diabetes Care e Roche Diagnostics, ha sottolineato:

Come azienda che opera nelle scienze della vita, raggiungiamo ogni giorno milioni di italiani con farmaci e test diagnostici e in questa situazione di emergenza sentiamo ancora più forte la responsabilità del nostro ruolo sociale. Tempi straordinari richiedono sforzi altrettanto straordinari. Se vogliamo lasciare un’impronta, come Azienda e come persone, dobbiamo pensare in maniera diversa e mettere a disposizione del Paese le nostre competenze e le nostre risorse“.

Alla luce di quanto premesso, dunque, Roche ha dichiarato che “si impegna a fornire gratuitamente per il periodo dell’emergenza, tocilizumab (RoActemra) a tutte le Regioni che ne facciano richiesta, fatte salve le scorte necessarie a consentire la continuità terapeutica ai pazienti affetti da patologie per cui il prodotto è autorizzato“.

Roche si fa in 4 contro il coronavirus

È opportuno menzionare anche gli altri interventi che la multinazionale metterà in atto per aiutare il Paese a superare l’emergenza. Sono quattro le aree di bisogno individuate e, da qui, il nome dell’operazione, che si chiama “Roche si fa in 4“.

Oltre alla cessione gratuita del farmaco, infatti, Roche:

  • metterà “a disposizione gratuitamente il servizio di telemedicina integrata per le persone con diabete che consente la comunicazione della cartella clinica Smart Digital Clinic e l’app mySugr” e parte del suo personale potrà essere impiegato per collaborare con medici e sanitari
  • erogherà “1 milione di euro per l’acquisto dei dispositivi di sicurezza individuale, mascherine e occhiali protettivi, per i medici di medicina generale che in questo momento ne sono sprovvisti
  • lancerà una campagna rivolta agli under 25 per sensibilizzare “sul tema della centralità del senso civico individuale e collettivo in una fase di emergenza sanitaria

* fonte: Johns Hopkins University

Crediti: Roche.it

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Simone Versientihttps://sciencecue.it
Sono uno studente di Informatica e Comunicazione Digitale. Al di fuori dell'università mi occupo di tecnologia, nelle sue forme più disparate. Mi piace informare e, di conseguenza, essere informato il più possibile.