fbpx
martedì, 29 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Incidente nucleare in Russia: non fu un test ma il recupero di un missile

Si sta componendo un po’ alla votla il puzzle circa l’esplosione dello scorso 8 agosto, quello che il New York Times ha definito come il “peggior incidente nucleare dopo quello di Chernobyl“. 

L’episodio verificatosi nella base militare di Severodvinsk ha causato la morte di un numero ancora non ben definito di persone mentre una decina ne sono rimaste ferite. A destare preoccupazione sono stati i livelli di radiazioni rilevati e la notizia che i feriti, alcuni superstiti all’incidente, siano stati contaminati da Cesio-137.

Incidente nucleare in Russia: non un test ma un’operazione di recupero

Secondo il racconto della CNBC americana, che ha indicato come fonte l’intelligence USA, non si sarebbe tratto di un test bensì di unacomplicata missione di recupero andata male con l’obiettivo di “salvare” un nuovo modello di missile da crociera, lo Burevestnik, perduto in mare in occasione di un precedente test”.

Burevestnik
Una ricostruzione 3D del missile Burevestnik, crediti: SimplePlanes

Burevestnik, un’arma da recuperare

Il Burevestnik è un’arma sulla quale il Cremlino ha investito in maniera non indifferente ma che, ciò nonostante, avrebbe riscontrato non pochi problemi nella fase di sviluppo.

Per questa operazione, stando sempre alle informazioni dell’intelligence americana, sono state mobilitate tre navi, una delle quali predisposta per il trasporto e il trattamento di materiale nucleare, dal momento che il propulsore dell’ordigno è composto da un mini-reattore. L’operazione si è trasformata in un autentico disastro e si è verificata un’esplosione (per cause ancora da accertare) su una delle unità (coinvolgendo poi parti del missile).

Seguiranno aggiornamenti.

Foto: hs.fi

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Antonio Piazzolla
Giornalista e divulgatore scientifico; caporedattore di Close-Up Engineering, è una delle firme di Forbes Italia e autore su Le Stelle, la rivista di divulgazione astronomica fondata da Margherita Hack. Ha collaborato con BBC Scienze Italia, HuffPost Italia, l’Espresso, Il Messaggero e Business Insider Italia.